×

Title: Regole del Contraponto

Author: Valerio Bona

Publication: Bernardo Grasso (, 1595)

Principal editor: Renzo Bez

Funder: Utrecht University Netherlands Organization for Scientific Research (NWO)

Edition: 2000

Department of Information and Computing Sciences Utrecht University P.O. Box 80.089 3508 TB Utrecht Netherlands
Copyright © 2000, Renzo Bez; Utrecht University, Netherlands
page i
REGOLE
DEL CONTRAPONTO,
ET COMPOSITIONE
BREVEMENTE RACCOLTE
da diuersi Auttori.
PER IL R.P.F. VALERIO
Bona da Bressa, Minor. Conuent.
Dedicate
AL MAG. M. GERMANO ALIARDO
Tenorista, & Chorista nel Duomo di Vercelli.
Operetta molto facile, & vtile, per i scolari
principianti.
IN CASALE,
Appresso Bernardo Grasso, M. D. X C V.
Con licenza de' Superiori.page iipage iii

AL LETTORE.

SE il mio scholaro principiante, vuole stu-
diar tutt'i libri de gli Auttori, che diffusa-
mente & amplamente, hanno della Musi-
ca trattato, Al sicuro, più presto si leuarà dal studio
confuso è balordo, che esser restato capace di co-
sa, che egli habbia studiato; & io, per dargli cibo,
ch'il suo stomaco possi diggerire, ho cauato breue-
mente il sugo da molti eccellenti Auttori, & in que-
sto picciol libretto l'hò posto, à fine, che il mio sco-
laro, à piacer suo lo possa gustare, con sua sodisfat-
tione, è contento. Nè alcuno dourà (come è soli-
to de maldicenti) tagliar il giupone à quelli che s'af-
faticano di mostrar facilmente, & breuemente la
strada: di poter giōger presto alla cognitione del-
la virtù. Perche si sà bene che. Nihil dictum, quod
prius non fuerit dictum
. Et se bene ogni scienza tien
il suo fine al quale ogn'vno concorre col'suo dire, è
però diuerso il modo, & la maniera del dire, & far
restar capace la persona. Non si veggono tanti li-
bri, sopra vna istessa materia? Si che il mio benigno
lettore, à chi piacerà di vedere queste Regole Musi-
cali, da me raccolte, le vedda cō la benedittion del
A 2Signore;page iv Signore; & chi vorrà esser sodisfatto più altamen-
te, & più diffusamente, potrà studiare il Zarlino, le
Scintille di Musica, di Gio. Maria Lanfranco, ve-
dere le Tauole, di Gio. Maria Artusi Bolognese,
leggere i Raggionamenti di Musica di D. Pie-
tro Pontio, & altri dotti libri, che tralascio
per più rispetti. Che io non hò mi-
rato ad altro, che alla breuità,
& facilità per il mio
scolaro, il Signor
v'accompagni
sempre.
MES-
page v

MESSER GERMANO
MIO CARISSIMO,

QVESTO è l'officio del vero amico. Honorare,
riuerire, et gradire l'altro suo amico. Et io che
mi reputo d'essergli quel vero amico, che gli son
et fui sempre, andai del continuo ardendo di
desiderio, di mostrarmegli per tale, con qualche atto vir-
tuoso. Così, hauendo breuemente raccolto le Regole del
comporre, et poste quà in questo libretto, hò voluto anco
che se ne vadino tapinando, accompagnate con il vostro
nome, GERMANO mio aponto per l'affettione, et ami-
citia nostra; et molto più à voi, che ad ogn'altro si con-
uengono; La protettione c'hauette sempre tenuta di me,
et dell'opere mie, mentre era Mastro della Musica nel-
la Cathedrale, non m'obliga à questo? L'instanza che mi
hauete fatto, in farmi far questa poca fatica, per facili-
tà, et vtilità di Pietro Antonio, vostro figliuolo, non lo ri-
cerca? L'intelligenza vostra di questa virtù nō lo vuo-
le? sì certo, sì certo; Et se non fosse per non so chè direi as-
solutamente che l'hò fatto perche sete d'un Core tanto ge-
neroso, è fedele, (da pochi però conosciuto) che meritate
ogni bene. Accettate dunque l'animo mio grāde, con que-
sto picciol dono, et fate studiar il vostro figliuolo, che sarà
honor suo, et vtile insieme. Ben vostro, è contento mio.
Dal Conuento di S. Francesco di Vercelli il primo di Fe-
braro. M. D. X C V.
Vostro Carissimo amico
F. Valerio Bona.
page vi

MADRIALE DEL STAMPATORE
AL LIBRO.

DE le Sibille i libri saggi, et sacri,

Per predir a mortali

Di Dio i pensieri, e i nostri beni, et mali,

Dal Mondo, et da suoi Regi

Furono sì stimati,

Che come degni, et almi simulacri

Fur ne i luor tempij posti, et celebrati.

Mà tu libretto mio,

Se conforme al desio

Al Mondo mostrerai con chiari accenti

Formar note, e concenti,

Per cui del ciel si cantino i gran pregi,

Dal Rè de Regi sì bel tempio haurai,

Che frà i Thesori suoi posto sarai.

page 11

FRATE VALERIO
AL SVO SCHOLARO.

VOLENDO tù (figliuol mio) dar opera à
quest'arte nobilissima della Musica, biso-
gna prima, che tu sappia, che cosa sia que
sta Musica; La onde molti diuersamente l'hanno
diffinita; Ciascuno di loro, dicendo l'opinion sua,
& à fin che l'intelletto tuo resti capace di qualche
cosa, vna sola, & veramente bella diffinitione, ti
voglio porre quà, la quale è questa;Diffini-
tion del
la Musi-
ca.
Musica est scien-
tia, quae in numeris, proportionibus, consonantijs, mensu-
ris, et qualitatibus Consistit. ò vero volgarmente di-
remo; la Musica è la maestra d'ogni Canto, che na-
sca da Canto, ò suono, & questa è di due sorti.Diuisiō
della
Musica.
Vna
è chiamata Musica naturale, l'altra Artificiale. Dal-
la Musica naturale, ne nascono due altre,Diui-
sion del
la Musi-
ca natu
rale.
vna si di-
ce esser Musica mondana, l'altra Humana. Di que-
ste due, nō te ne parlo, perche bisognaria, che tu ha
uessi cognitione, & di Filosofia, & d'Astrologia, &
hauer visto cose assai dipoi non fà à nostro propo-
sito. La Musica artificiale;Musica
artificia
le qual
sia.
cosi chiamata, perche
s'acquista con industria, & artificio, e quella dalla
quale ne nascono tre altre sorti, cioè, Musica pla-
na, Musica figurata, & Musica instromentale. La
Musicapage 22Regole delMusica plana,Musica
plana.
e quella, che egualmente si canta cō
figure vniformi, come breui con breui, ò semibre-
ui con semibreui, & simili. La Musica figurata,Musica
figurata
e
quella, che vien cantata con figure di diuerso valo-
re. La musica instromentale poi,Musica
instro-
mētale.
e quella, che è cau
sata da gli instromenti, come Organi, Cethare,
Lauti, & altri instromenti. Si che tu hai inteso, Co-
me la Musica (generalmente parlando) si diuide in
due, Naturale, & Artificiale. La naturale parimente
in altre due, Mondana, & Humana. L'Artificiale
poi, in altre tre; Plana figurata, e instromentale. Re-
sta solo, che tu sappia, che il Musico è di due sorti:Diuisiō
del Mu-
sico.

Specolatiuo è prattico. Specolatiuo è quello,Musico
specola
tiuo.
che
solamente considera la Musica naturale, Prattico
poi è quello,Musico
pratti-
co.
che considera la Musica Artificiale, &
và accommodando le consonanze è dissonan-
ze insieme, in modo tale, che siano grate, & dolci
alle orecchie de gli ascoltāti. Hora, che tu sai, qual
sia la Musica Naturale, & Artificiale, & qual sia il
Musico specolatiuo, & prattico, voglio, che tu sap-
pia anco, quale si deue chiamar Musico. Hora sen-
ti. Si chiamarà MusicoQual
si deb-
ba chia
mar
Musico.
quello (parlando del Musico
prattico) il quale saprà comporre à tre, quattro, e
più voci. Vno dunque, che cantarà vn'altra parte
sopra il canto figurato, ò sopra il canto fermo, non
si chiamarà Musico? poiche è gionto alla cognitio
ne di porre le consonanze è dissonanze insieme?
nò, màpage 3Contraponto, et Compositione.3nò, mà si chiamarà Contrapontista, non essendo
passato più oltre. Ti hò voluto dir anco questo, ac-
ciò tu nō erri, come molti errano, & hanno errato,
chiamando Musici, quelli che semplicemente can-
tano, & solamente il Contraponto sanno. Et dopò
che siamo à parlar del Cantore, ti voglio dire qual
egli si sia, & qual sia l'officio suo. Sappi dun, che
il Cantore,Qual sia
il Can-
tore.
è quello, che solamente hà cognitione
delle figure, de modi, tempi, prolationi, e propor-
tioni, che dalli Musici prattici, nelli loro canti sono
vsate. Deue anco il Cantore, con soauità cantare,
mandādo fuori la voce soauemente & proportio-
natamente senza gridare, come fanno alcuni al tē-
po d'hoggi. E però volendo tu esser buono Cōpo-
sitore, bisogna prima, che tu sij buono Cantore, &
buono Contrapontista. Quello, che deue sapere il
buono Cantore, già te l'ho detto di sopra, & quello
che deue sapere vn buon Contrapontista, hora te
lo dirò, ascolta bene.

CHE COSA SIA CONTRAPONTO
SEMPLICE, ET DIMINVITO.

CHI vuole far bene il Contraponto, biso-
gna che sappia, che egli è di due sorti;Diuisiō
del con
trapon
to.
vno
è chiamato, Contraponto semplice, & l'al
tro diminuito. Il Contraponto semplice, non è al
Btro, chepage 44Regole deltro, che il mandare vna nota, contra vn'altra nota,
egualmente cantando. Il Contraponto diminuitoCōtra-
ponto
dimi-
nuito.

poi è quello, con il quale si passano più figure all'in-
cōtro d'vna figura, come per essempio, all'incōtro
d'vna semibreue, tu passerai cō due minime, ò quat-
tro semiminime; e cosi delle altre, parlando secon-
do la loro valuta. Et con il mezzo di questo Con-
traponto diminuito, si gionge poi alla cognitio-
ne della compositione, onde si fanno tante belle,
e variate cōpositioni, & Cantilene. Dipoi bisogna
che tu habbia molto bene cognitione delle conso-
nanze, si perfette, come imperfette, & anco delle
dissonanze, come fondamentali del Contraponto.
Eccole.
DIVI-page 5Contraponto, et Compositione.5

DIVISIONE PRIMA
Delle Consonanze.

1 3 5 6 8 10 12 13
15 17 19 20 22
Et sono semplici, duplicate, et triplicate in
questo modo.
Semplici Duplicate Triplicate.
Vnisono Ottaua Quintadecima, vigesimasecunda.
Terza Decima Decimasettima.
Quinta Duodecima Decimanona.
Sesta Decimaterza Vigesima.
HOR tu vedi come dall'Vnisono, ne vien
creata l'ottaua, & la quintadecima, & la
vigesimaseconda duplicando, & tripli-
cando; così per ordine, dico anco delle
altre, & sono d'vna istessa natura; auertisse bene.
Hora bisogna, che tu sappia, che di queste Conso-
nanze, parte ne sono perfette, & parte imperfette.
Vedi quà.
B 2DI-page 66Regole del


DIVISIONE SECONDA,
Delle Consonanze.

ET se tu non intendi quello, che io voglio
dire, dicendo, perfette vnisone, & equiso-
ne; Sappi che vnisono,Vniso-
no, che
cosa sia.
non è altro, se non
sonare in vna istessa corda, ò cantare in
vna istessa voce. Equisonare poi, vuol dire egual-
mente sonare, talmente che ripiglia l'ottaua sopra
l'vnisono, e cosi tu sentirai il suono quasi vnifor-
me; altro non gli è, saluo che vno è basso, & l'altro
è alto. Et medemamente tu farai con la quintade-
cima, & vigesimaseconda.
Perfette, mezzane, & consone, vuol dire, che stā-
no da mezzo, come tu puoi vedere, che frà l'vniso-
no, & l'ottaua, vi si ritroua la quinta, & da l'ottaua
alla quintadecima, vi stà in mezzo la duodecima.
Et frà la quintadecima, & la vigesimaseconda, vi è
posta nel mezzo la decimanona. Et se tu ti acco-
steraipage 7Contraponto, et Compositione.7sterai al tuo Arpicordo, facendone l'esperienza, so-
pra la tastatura, facilmente restarai capace. Con-
sone; vuol dire, che sono sonore, & grate all'orec-
chia. Et tien bene à memoria questi termini,Nome
delle cō
sonāze
antiche
Vni-
sone, Equisone, Consone, Emmele, & dissone, che
vuol dir dissonanti. Et cosi da Consone, si dicono
Consonanze, & da dissone, si dicono dissonanze,
le quali dissonanze, in numero, sono noue; & so-
no à guisa delle Consonanze, Semplici, duplicate,
& triplicate, Come tu vedi.

DISSONANZE.

SECONDA, QVARTA, SETTIMA, NO-
NA, VNDECIMA, QVARTADECI-
MA, SESTADECIMA, DECIMAOT-
TAVA, ET VIGESIMAPRIMA. Et so-
no d'vna istessa natura perche l'effetto, che fà la
seconda, tanto lo fà la nona, & la decimasesta. E
così per ordine. Ecco quà.
Sempli-page 88Regole del
TV vedi come dalla seconda, ne vien crea-
ta la nona, & la decimasesta. E così dal-
la Quarta l'vndecima, e và discorrendo
delle altre. Hora che tu hai inteso, quali siano le
Consonanze, & dissonanze, ti voglio dar alcune
regole, per adoperarle, nel far il tuo Contraponto.

IN CHE MODO SI VSANO
le Consonanze nel far il Contraponto.

PRIMA, comincia con vna Consonan-
za perfetta. Questo à me piace (se bene
non ti sforzo) come nel fine ti astringo.
Secondariamente tu non ti mouerai da luogo à luo
go, con due Consonanze perfette, & per dirtelo
chiaro, non far mai, nè due vnissone, nè due quin-
te, nepage 9Contraponto, et Compositione.9te, nè due ottaue, nè due duodecime, nè due quinte-
decime, nè due decimenone, ne due vigesimesecon
de. Ma fà che dopò vna Consonanza perfetta, ne
seguiti vna imperfetta, ò due, ò più come à te piace.
Et auertisse quà,Auerti
mento.
che se ben io hò detto che non si
puo fare due Consonāze perfette vna dopò l'altra,
intendo però, di quelle di vna istessa denominatio-
ne, come due quinte, due vnissone, due ottaue, &
simili. Tu potrai però fare due Consonanze per-
fette l'vna dopò l'altra, mà non d'vna istessa deno-
minatione, come per essempio. Tu potrai fare la
quinta, e poi l'ottaua, l'vnisono, e poi la quinta, la
duodecima, e poi la quintadecima, & simili.
Delle CONSONANZE IMPERFETTE, tu nè
potrai fare, vna dopo l'altra, quante tu vorrai, mo-
uendoti da luogo à luogo, ascendendo, ò descen-
dendo. Di più quando tu vedi, che vna parte ascen
de, e tu descenderai con l'altra, & questa regola,Regola
degna
d'esser
osserua
ta.
se
bene non è sempre necessaria, è però ben fatto os-
seruarla, più che sia possibile. Auisandoti,Auiso. che quā-
do, tu vorrai andare da vna Consonāza imperfet-
ta ad vna perfetta, tu gli andarai con la più vicina.
Vltimamente tu finirai in Consonanza perfetta, &
à me piace finir sempre, ò in vnisono, ò in ottaua, ò
in quintadecima. Et perche le dissonanze mesco-
late con le consonanze, rendono il Contraponto,
& la Compositione, più vago e più diletteuole, al-
l'vdito;page 1010Regole dell'vdito; per tanto ti darò alcune altre regole, acciò
tu ti sappia seruire anco di queste dissonanze, orna-
mento veramente, (se sono ben poste,) della Com
positione.

IN CHE MODO SI VSANO LE
DISSONANZE NEL CONTRAPONTO,
& Compositione.

SERVENDOTI della dissonanza, bisogna,
che ella sia accompagnata, & attaccata
ad vna Consonanza, sia perfetta, ò imper
fetta come si voglia. Et breuemente, è chiaramen-
te, ti farò Capace, in che modo tu ti debba gouer-
nare.
Passagi
proprij
delle
dissonā
ze.
Fatta la seconda, seguitarà l'vnisono, ouero la
terza. Fatta la quarta, seguitarà la terza. Fatta la
settima, seguitarà la sesta. Fatta la nona, seguitarà
la ottaua. Fatta la vndecima seguitarà la decima.
Fatta la decimaquarta, seguitarà la decimaterza.
Fatta la decimasesta, seguitarà la quintadecima.
Fatta la decimaottaua, seguitarà la decimasettima.
Fattapage 11Contraponto, et Compositione.11Fatta la vigesimaprima, seguitarà la vigesima. Ba-
staua, che io ti hauessi detto della seconda, Quar-
ta, & Settima, perche le altre, sono composte da
queste tre, & sono d'vna istessa natura, Come di
sopra t'hò detto, & vn'istesso effetto fanno.
Et questo ti basti, intorno alle Consonanze,
& dissonanze. Hora resta, che tu sappia, quali sia-
no i mouimenti loro, & quali siano i suoi passag-
gi, & come siano poste nel Contraponto Sem-
plice, & nel Contraponto diminuito.

MODO DI FAR IL CONTRAPONTO
SEMPLICE.

FACENDO tù Contraponto Semplice,
tu lo farai priuo d'ogni dissonanza, ma
lo Componerai di pure, e schiette Con-
sonanze. Auertendo però di fuggire gli vnisoni,
& l'ottaue, più che sia possibile, non già perche
non siano Consonanze buone, anzi sono buo-
nissime, mà perche fanno la Cantilena magra, &
priua di Consonanze, & tu lo farai cantare più
per grado, che per salto.
CMODO,page 1212Regole del

MODO, ET PASSAGGI DELLE
Consonanze per far il Contraponto, et prima,
Dell'VNISONO.

IN doi modi solamente, si fà l'vnisono.
Vno, nel principio della battuta, & l'al-
tro, nel fine della battuta, cioè in eleua-
tione. Quando tu lo vorrai fare in principio del-
la battuta, e che stia bene, tu farai ascendere la par
te bassa, e descēdere la parte acuta, senza salto del-
l'vna, & dell'altra talmēte, che sempre sarà vna ter-
za auanti, di poi tu andarai all'vnisono. IN eleua-
tione poi, tu farai, che vna parte resti ferma, & cō
l'altra farai l'vnisono, partendoli da qual Conso-
nanza si voglia, dalla sesta in poi. Et facendolo
in questi doi modi, starà bene, & nel Contrapon-
to, & nelle Compositioni di più voci.
Si fà anco in vn'altro modo, posto in eleuatio-
ne, mà à tre, quattro, ò più voci. Come quando
vna parte resta in vn luogo, & l'altra và à far l'vni-
sono seco, percotendosi ambedue le parti. Et in
somma nelle Cōpositioni di più voci, tu lo potrai
fare come à te piacerà, eccetto in questi doi modi,
che seguitano.
Passo il
lecito.
Quando fatto l'vnisono, tu passassi all'ottaua,
saltando, vna parte in sù, & l'altra in giù. Questa si
fà solo à otto voci. L'altro modo, che non si de-
ue farepage 13Contraponto, et Compositione.13ue fare, è questo.Passo
Quando tu hauessi fatto l'vniso-
no, è che poi passassi alla quinta, saltādo tutte due
le parti in sù. Et questo ti basti per l'vnisono. Ho-
ra me ne passo alla terza; mà volēdo trattarti del-
la terza, bisogna prima ch'io ti dica, come la ter-
za, è maggiore, & minore, & de quanti tuoni, sia
composta, & l'vna, & l'altra. la onde bisogna pri-
ma che tu sappia, che cosa sia tuono, & come si
formi il tuono. Vedi.

Che cosa sia tuono, e come si forma.

TVONO altro non è, che l'ascendere, ò
descendere d'vna voce, e si forma in que
sto modo, cominciando dalla prima vo-
ce, cosi dicendo.
C 2TVTTIpage 1414Regole del
TUTTI sono tuoni, eccetto mi, fa, & fa,
mi. Che è semitono. Hora per via de
questi tuoni, & semitoni, si conosce,
qual sia la terza maggiore, & qual sia la
minore, & nè più nè meno, s'intende della sesta.

Della TERZA Maggiore.

SAPPI, che la terza maggiore, è quella,
che in se contiene duoi tuoni. Come, vt
mi, mi vt, fa la, la fa, & acciò tu resti più
Capace. ogni volta che non vi si troua il semito-
no mi fa, o, fa mi, quella è terza maggiore. Et fà
passaggio in sei modi.

PASSAGGI DELLA TERZA MAG-
giore numero sei.

  • IL primo. Si passa dalla terza, alla Quinta.
  • Il secondo, dalla terza, alla sesta.
  • Il terzo, dalla terza, all'ottaua.
Con questi tre passaggi, tu ti mouerai senza so-
spetto di errare.
  • Il Quarto. dalla terza, alla settima.
  • Il Quinto. dalla terza, alla seconda.
Intendipage 15Contraponto, et Compositione.15
Intendi bene quà. Passando dalla terza, alla set-
tima, tu farai descendere vna parte per grado, po-
sta ineleuatione, & l'altra tu la farai ascēdere per sal
to, cō figure di minime, & fatta la terza, tu andarai
à percuotere la settima, nel principio della battuta.
Passando dalla terza, alla seconda. Si fà andare
vna parte sincopando, per grado ,
& l'altra libera e sciolta. Talmente che fatta la ter-
za, se ne passa alla seconda.
Il sesto, & vltimo passaggio, si è dalla terza, al-
l'vnisono, & tu potrai sempre passare allegramen-
te, come à te piacerà, eccetto in questi doi modi.
Passi
prohi-
biti.
Primo. Tu non passarai dalla terza, all'vnisono
descendendo ambedue le parti. Secondo, tu non
passarai dalla terza, all'vnisono, ascendendo tutte
due le parti. Nel resto, vsalo à tuo piacere, che non
gli è pericolo d'errore.
Tu hai inteso, qual sia la terza maggiore, & qua-
li, & quanti siano i passaggi suoi.

Della TERZA minore.

LA terza minore, è composta d'vn tono,
& vn semitono. Come re fa, fa re, mi sol,
sol mi. Et acciò meglio tu capisca questo,
vedi ogni volta che vi si ritroua il semitono, mi fa,
ò fa mi. Quella, è terza minore. Et hà cinque pas-
saggi.
PAS-page 1616Regole del

PASSAGGI DELLA TERZA MINO-
re, numero cinque.

  • IL primo, è dalla terza all'vnisono.
  • Il secondo, dalla terza alla quinta.
  • Il terzo, dalla terza alla sesta.
  • Il quarto, dalla terza all'ottaua.
  • Il quinto, dalla terza alla seconda.
Et in quel modo, che tu ti seruirai delli passaggi
della terza maggiore, nellistesso modo, tu potrai
seruirti per la terza minore, perche sono quasi si-
mili. Vi è questo di più, che passando tu dalla ter-
za alla sesta, tu gli potrai andare, ascendendo tut-
te due le parti. Vna per grado, l'altra per salto, &
veramente è gratioso passo. Che facendolo, con
la terza maggiore, rēde vn poco di durezza all'o-
recchia. Et questo ti basti, in quanto alla terza
minore.

Della QVINTA.

TV hai da sapere, che la Quinta è di due sor-
ti;Diuisio
ne del-
la
Quinta
e si dice così. Quinta perfetta, & quin-
ta imperfetta. La Quinta perfetta, tiene in
se tre tuoni, & vn semituono, come per essempio.
Vt, sol. e così in sei modi fà passaggio.
PAS-page 17Contraponto, et Compositione.17

PASSAGGI DELLA QVINTA PER-
fetta numero sei.

  • IL primo, è dalla Quinta alla sesta.
  • Il secondo, dalla quinta all'ottaua.
  • Il terzo, dalla quinta alla terza.
  • Il quarto, dalla quinta all'vnisono.
  • Il quinto, dalla quinta alla settima.
  • Il sesto, dalla quinta alla seconda.
Nel primo passaggio, tu hai d'auertireAuer-
tisse.
che non
si passa dalla quinta alla sesta, descendendo, ò ascē
dendo tutte due le parti, con salto. Nel secondo.
Tu hai d'auertire,Auer-
tisse.
di nō passare dalla quinta, all'ot-
taua, quando tutte due le parti ascendessero, vna
per salto, l'altra per grado. Questo più presto te lo
concedo à più voci, come quattro e più. Nè tam-
poco tu hai d'andare dalla Quinta, all'ottaua,Auer-
tisse.

quando tutte due le parti ascendeno per salto.
Et similmente tu hai da schiuare quest'altro.Auer-
tisse.
Di
non andare dalla duodecima (che della istessa na-
tura è della quinta) all'ottaua, quando vna parte
descendesse con salto & l'altra ascendesse cō salto.
Si deue anco fuggire quest'altro modo di pas-
sare,Auer-
tisse.
quando vna parte è posta con vna figura di
semibreue sincopata, & facendosi la quinta de-
scende per grado, e se nè và poi all'ottaua, & l'altra
partepage 1818Regole delparte descende per salto.
Deuesi schiuare (in Contraponto tanto) di nō
passare dalla Quinta, all'ottaua, descendendo am-
bedue le parti, l'vna per salto, & l'altra per grado à
più voci starà bene. Passando dalla quinta, alla
terza, tu non potrai errare. Il quinto passaggio,
tu lo potrai fare in vn modo solo, cioè fatta la
Quinta, passare con l'vnisono, restando però fer-
ma vna parte. Vi è anco vn'altro modo. Cioè, quā-
do vna parte ascende per salto; & l'altra descende
per grado. Ma questo passaggio in Contraponto
non stà bene.
In più voci sì. in altro modo, non si potrà mai
passare dalla Quinta, all'vnisono, che stia bene, il
quinto, & sesto passaggio, tu li puoi fare senza
scropolo, poiche facendoli, non si possono fare,
se non bene.
Ti auiso poi, che se bene i passaggi stanno posti
tutti così per ordine, che per questo non ti obligo
à seruar quell'ordine, ma passarai hor cō vno, hor
con l'altro, secondo che ti verrà commodo, & tā-
to dico delli altri delle altre Consonanze. Basta
questo per la quinta perfetta.

Della QVINTA imperfetta.

LA Quinta imperfetta, ò quinta falsa, come tu
vuoi, è quella che è composta de duoi toni,
& duoipage 19Contraponto, et Compositione.19& duoi semituoni, ouero dirò così acciò tu inten-
da più presto. Quando si ritroua mi, Contra fa in
quinta, all'hora è quinta falsa La quale se si com-
moda nella cōpositione co'l suo proprio passag-
gio, è consonanza; se altramente, è dissonanza, i
passaggi sono duoi.

PASSAGGI DELLA QVINTA IM-
perfetta numero duoi.

  • IL suo primo passaggio, è dalla Quinta al-
    la terza.
  • Il secundo, dalla Quinta alla sesta.
Il primo, vsalo in qual modo tu vuoi, che sarà sem-
pre buono, purche fatta la Quinta, subito ne se-
guiti la terza. Il secondo, tù non lo puoi fare che
tutte due le parti non descendino vna per grado,
l'altra per salto. E però questo passaggio, tu non lo
farai mai, se non fosse per il significato di qualche
parola, ò di qualche obligatione; che in tal caso,
tu sarai iscusato. Hora me ne passo alla Sesta.
DDellapage 2020Regole del

Della SESTA.

LA SESTA è di due sorti.Diuisiō
della se-
sta.
Vna si chiama
sesta maggiore; l'altra sesta minore. Ti
dirò prima, qual sia la sesta Maggiore,
dipoi seguirà della minore.

Della SESTA Maggiore.

SAPPI dunque, che la sesta Maggiore, è
quella, che è composta de quattro tuoni,
& vn semitono, & a dirlo più chiaro.
Quella è sesta maggiore, che hà dentro se non vna
volta, mi fa. Come, vt la. Et questa, fà vn passag-
gio solo. Il Quale, è dalla sesta all'ottaua.

Il passaggio della SESTA Maggiore.

ANDANDO dalla sesta Maggiore; all'ot-
taua, non bisogna mai che le parti ascē-
dino, ò descendino per salto, se il passo
deue star bene.
Duoi altri modi vi sono di passar all'ottaua. Vno
quando tutte due le parti descendono, vna per
gradopage 21Contraponto, et Compositione.21grado, l'altra per salto, questo modo à più voci, tu
lo potrai fare. l'altro è,Duro
passo [[per]]
la sesta
mag-
giore
quando vna parte ascende
con salto, l'altra resta ferma. Questo modo non
mi piace, perche fà duro effetto.
Essendo la SESTA Maggiore pouera de pas-
saggi, tu potrai preualerti di quelli della sesta mi-
nore. come del secondo, del Quinto, & del Sesto.

Della SESTA Minore.

LA SESTA minore poi, è quella, che è
fatta ò composta, de tre tuoni, & doi
semituoni ò vero. Come gli è due vol
te mi fa, (per più capacità tua) Quella
è sesta minore. Come cantando; mi
fa, in sesto. Et questa in sette modi fà passaggio
ad altra consonanza.

PASSAGGI DELLA SESTA MI-
nore numero sette.

  • IL Primo modo di passare è, Dalla sesta alla
    Quinta.
  • Il secondo. Dalla sesta, alla terza.
  • Il terzo. Dalla sesta, all'ottaua.
    D 2Ilpage 2222Regole del
  • Il Quarto. Dalla sesta, all'vnisono.
  • Il Quinto. Dalla sesta, alla decima.
  • Il Sesto. Dalla sesta, alla seconda.
  • Il Settimo, & vltimo. Dalla sesta, alla quarta.
TVTTI questi passaggi, tu potrai poner giù senza
dubbio, che sempre saranno buoni. Auertisse solo
al Quarto,Passo
illecito.
che è dalla sesta, all'vnisono; che non si
può fare che stia bene. però lascialo stare, & nel
Contraponto, & nelle Compositioni.
Delle seste, tu nè potrai fare due tre, vna dopò l'al-
tra; è ben vero, che la prima, deue esser maggiore,
& poi la minore. La sesta fà bell'effetto, mà lo fà
anco tristo La sesta maggiore lo fà tristo, ò alme-
no duro, se ella salta. La sesta minore, se và per gra
do, contenta l'vdito, se salta, tanto più.
Hora che t'hò detto qual sia la sesta maggiore,
& qual sia la minore, & quali siano i passaggi del-
l'vna, & dell'altra resta ch'io ti dichi, in che modo
la sesta Maggiore, diuenti minore, & la minore
diuenti Maggiore. Et questo è di grandissimo cō-
modo al compositore. & si fà accidentalmēte. Bi-
sogna dun che tu sappia prima quali siano que-
sti Accidenti.
ACCI-page 23Contraponto, et Compositione.23

ACCIDENTI MVSICALI
numero duoi.

TV hai da sapere, che gli accidenti del Can-
to sono doi. il bequadro, & il bemolle. &
questi sono quelli, che fanno diuentar la
sesta, di Maggiore minore & di minore
Maggiore. & il simile fanno della terza. Il bequa-
dro, si segna Cosi il quale ha per compagno
quest'altro segno di queste virgolette le quali
fanno l'istesso effetto del bequadro. e si chiama,
Diesis. il bemolle poi si segna con questa lettera b.
La natura de questi accidenti è tale.

Natura de gli Accidenti.

IL bequadro, o vero Diesis, fa ascendere la
Cantilena, & il bemolle, la fà descendere. Sono
però stati alcuni Compositori, che tali Acci-
denti hanno vsati contra la natura loro. tien pur
tù, la strada vera.
Chepage 2424Regole del

Che cosa siano gli Accidenti.

HORSV bene. Questi Accidenti non sono
altro che doi semitoni. La sesta maggio
re stà de quattro tuoni, & vn semitono.
Hor volendola far minore, tu ti seruirai, ò del be
molle, ò del be quadro, secondò che farà bisogno,
ò nel ascendere, ò nel descendere, che faccia la par-
te. Il simile si fà della minore, facendola maggiore.
Et nota bene. Che doi semitoni, fanno vn tuono.
Sappi anco, che questi accidenti rendono la quin-
ta falsa, de imperfetta, perfetta, & de perfetta, im-
perfetta. Et sono anco stati ritrouati per fuggir il
noioso tritono.

Della OTTAVA.

L'OTTAVA è vna Consonanza perfettissima,
la quale rinchiude in se, tutte le Consonāze,
e dissonanze. Che ciò sia il vero, proualo ef-
fettualmente sù l'Arpicordo, è trouarai l'vnisono,
la Terza, la Quinta, & la Sesta; delle dissonanze. La
Seconda, la quarta, & la settima. L'ottaua, è com-
posta de cinque tuoni, & doi semitoni, & hà cin
passaggi.
PAS-page 25Contraponto, et Compositione.25

PASSAGGI DELL'OTTAVA.
numero cinque.

  • IL primo è dall'ottaua, alla quinta.
  • Il secondo è dall'ottaua, alla terza.
  • Il terzo è dall'ottaua, alla sesta.
  • Il quarto è dall'ottaua, alla Decima.
  • Il quinto è dall'ottaua, all'vnisono.
Tutti questi passaggi sempre sono buoni, fatti
in qual si voglia modo, tu hai solo d'auertire al pri-
mo, che è dall'ottaua alla quinta, che si può passare
anco così. descendendo tutte due le parti, vna per
salto, l'altra per grado. Dico, che di questo modo,
te ne seruirai nelle Compositioni di più voci, & è
bonissimo. All'vltimo, guarda, che tu nō passi dal-
l'ottaua, all'vnisono, descendendo vna parte, & a-
scendendo l'altra, ambedue con salto. perche que-
sto si cōuiene solo alli Bassi, cantando à doi Chori.
Hora che hò spedito di narrarti i passaggi del-
le Consonanze, voglio mostrarti, in che modo si
vsino queste dissonanze nelle Compositioni. & i
passaggi loro. Et prima ti dirò.
Dellapage 2626Regole del

Della SECONDA.
La seconda hà quattro passaggi.

  • IL Primo. è dalla seconda, all'vnisono.
  • Il Secondo. è dalla seconda, alla Terza.
  • Il Terzo. è dalla seconda, alla Quinta.
  • Il Quarto. è dalla seconda, alla Sesta.
Il primo starà sempre bene, e tu non puoi erra-
re. Il secondo anc'egli starà sempre bene, mà auer-
tisse, che quando tu passassi, dalla seconda, alla ter-
za, per vna corda segnata co'l Diesis, ò be quadro,
ò be molle, che non staria bene. Altri però l'hanno
vsato, mà per qualche fuga, ò altro rispetto. Il ter-
zo anc'esso, sarà sempre buono. Eccetto, se fatta la
seconda, seguitasse la Quinta saltando vna parte,
ò in sù, ò in giù. Si deue anco schiuare il passar dal-
la seconda, alla Quinta, quando vna parte facesse
atto di Cadenza, come dire; sol fa sol. Per che il
Cantore, gli vol sempre mettere il semitono Die-
sis. & mettendolo, quella Quinta, diuenta di per-
fetta, imperfetta; & per tal rispetto, stà male. se
non fosse questo, staria bene.
Il Quarto, che è dalla seconda, alla sesta, facen-
dolo, tu non puoi errare; & veramente, egli è vn
passo molto degno. Hò detto assai intorno alla
seconda. Hor senti.
Dellapage 27Contraponto, et Compositione.27

Della QVARTA.

LA Quarta, in quanto à se, come quarta sempli-
cemente fatta, ella è dissonāza. Accompagna
ta poi, con qualche altra Consonanza, anc'essa è
Consonāza. Come per essempio. S'ella è posta frà
l'ottaua, è Consonanza sonorissima. perche con la
parte bassa, fà Quinta, & con la parte soprana, fa
Quarta. à questo modo, & in altri modi, che ella è
accommodata nelle Compositioni, è Consonan-
za. altrimente nò. Sono però stati alcuni, i quali,
considerata come Quarta semplicemente fatta, l'-
hanno posta frà le Cōsonanze. Che raggione hab
bino questi tali, io non lo sò, perche veramente,
hò visto, che quasi tutti, l'hanno Connumerata frà
le Consonanze poi, io non sò, che contento dia al-
l'vdito, come la Terza, Quinta, & altra, fà più pre-
sto fastidio, che altramente. proualo, e sentirai si
che, in quanto per me, la tengo per dissonanza, e
come dissonanza, passa in tre modi.

PASSAGGI DELLA QVARTA
numero tre.

  • IL primo. è dalla Quarta, alla Terza.
  • Il secondo. è dalla Quarta, alla Quinta.
  • Il terzo. è dalla Quarta, alla Sesta.
Facendo il primo come à te piacerà, sarà sempre
Ebuono.page 2828Regole delbuono. Facendo il secondo non si può falare, mà
tal passaggio, si conuiene più alle compositioni di
più voci, che al Contraponto di due voci. facendo
il terzo, ti riuscirà sempre bene.
La quarta,Auiso. s'ella deue esser buona, deue esser cō-
posta de duoi toni & vn semitono: che quando el-
la fosse di tre toni, & vn semitono, non saria buo-
na quarta. Come dire mi contra fa in quarta. il che
si deue fuggire. Della quarta, parmi hauerti detto
à bastanza. hora senti.

Della SETTIMA.
La settima, hà cinque passaggi.

  • IL primo. è dalla settima, alla sesta.
  • Il secondo. è dalla settima, alla quinta.
  • Il terzo. è dalla settima, alla terza.
  • Il quarto è dalla settima, all'ottaua.
  • Il quinto è dalla settima alla decima.
Questi passaggi sono sempre buoni. Hauen-
do però l'occhio al secondo, che è dalla settima,
alla Quinta. & al terzo, che è dalla settima, alla
Terza, che passando (fatta che sarà la settima)
alla Quinta, & alla Terza. con mouimento sepa-
ratopage 29Contraponto, et Compositione.29rato, ò per dirtelo acciò tu intenda con salto. Che
questo non stà bene. Così s'intende anco della se-
conda, come già t'hò detto, parlando de i suoi
passaggi. Nel resto ponili giù allegramente, &
senza dubbio, che ti riusciranno.
Fin quì,Com-
pendio.
tu hai inteso, che cosa sia Musica. La di-
uisione della Musica. Che cosa sia Musico. La di-
uisione del Musico. Qual si debba chiamar Musi-
co. Qual sia il Cantore. La diuision del Contra-
ponto. La diuisione delle Consonanze, & Disso-
nanze, & i passaggi loro. Però volendo tù restar
capace di tutte queste cose, che di sopra t'hò det-
to, non le leggerai tutte in vn tratto come à dire
legger tutto il libro, ò la metà, nò;Modo
di stu-
diare.
mà ad vna, ad
vna, le andarai molto ben considerando, facen-
do l'esperienza sù la cartella. & se cosi farai, facil-
mente tu venerai in cognitione del fatto, con tuo
gusto.
Hora resta , ch'io ti dichi in che modo si forma
il Contraponto sopra vn canto fermo, ò figurato.
& parimente le qualità sue. Perche altro fatto è far
Contraponto, & altro è far vn Duo. Hor senti il
modo, che tu hai da tenere nel far il Contraponto,
il qual modo, contiene sei cose.
  • La prima. è che tu non salti molto, mà vadi gra-
    damente.
  • La seconda. che sia ornato di tirate belle.
    E 2La ter-page 3030Regole del
  • La Terza. che tu ti replichi qualche inuentione
    già fatta, mà diuersamente.
  • La Quarta. che tu non facci salto incantabile.
  • La Quinta. che tu non facci mai Cadenza.
  • La Sesta, & vltima. che tu schiui le ottaue, & gli
    vnisoni, nel principio della battuta.
Le qualità poi sono tre.

Qualità del Contraponto, numero tre.

  • LA prima. Che sia DIMINVITO.
  • La seconda. Che sia LEGATO.
  • La terza. Che sia FVGATO.
Ti dichiaro questi tre termini. DIMINVITO.
S'intende, che non vi siano Breui, nè minime co'l
ponto, nè semibreui co'l ponto nel principio del-
la battuta. Perche così? perche se nō stasse in que-
sto modo, non si chiamaria Contraponto, ma
Compositione.
LEGATO, ò vero sincopato; s'intende, quan-
do vna nota participa del fine, & del principio del
la Battuta.
FVGATO poi. s'intende quando, tu, repli-
cassi vn medemo passo più volte, mà in diuerso
modo. Come à dire più volte, vt, re, mi, fa, sol. Sarà
benpage 31Contraponto, et Compositione.31ben fatto aspettare mezza battuta, auanti che tu
dia principio. Hora osseruando tu questo modo,
& queste regole, si potrà veramēte chiamare, Cō-
traponto, & non Duo. Sò che tu desideri intender
due parole anco del Duo. Son conteuto.
Il Duo, si fà in modo di Compositione, aspet-
tando pause nel principio, nel mezzo, & secondo
che occorre. si può far delle breui, semibreui, & mi
nime col'ponto nel principio di Battuta. si può far
Cadenza proportionata al tuono. & non si deue
passar questi estremi più di dodeci, ò quindeci vo-
ci. Questo auertimento t'arricordo anco nelle Cō-
positioni; cioè far che siano vnite trà di loro, più
che sia possibile, perche l'vdito nè resta più grati-
ficato, & fanno più bella Armonia.
Volendo far qualche Compositione; sia, ò Mot
tetto, Messa, Salmo, Madrigale, Canzone, ò altra
sorte, ti fà bisogno hauer molto bene cognitione
di queste due cose. del TVONO, & delle sue CA-
DENZE. Che se tu Componesti, & non hauesti à queste due cose importantissime, tu sare-
sti à modo d'vn cieco, che pur và, mà non sà doue
si vada. e però ti pongo quà i Tuoni, i quali in nu-
mero sono otto.
TVONIpage 3232Regole del

TVONI NVMERO OTTO.

Il primo. Re la.
Il secondo. Re fa.
Il terzo. Mi fa. in Sesta.
Il quarto. Mi la.
Il quinto. fa fa. in Quinta.
Il sesto. fa la.
Il settimo. vt sol.
L'ottauo. vt fa.
DI questi otto toni, bisogna, che tu habbia be-
ne cognitione. Mà questa cognitione, si può ha-
uere in doi modi, ò che si conosce il tono, per in-
tonar il Salmo, o che ella si hà, in conoscere vn Can
to fermo, ò figurato, di qual tono sia, & l'vna, &
l'altra bisogna hauere.

Cognitione per intonar il Salmo.

A CONOSCERE il tono, per intonar il
Salmo, si fà cosi, si guarda il fine dell'An-
tifona, & il principio delle E V O A E & fa-
cendo così, subito lo conoscerai tenen-
do sempre in memoria. Re, la, Primo. Re. fa, Se-
condo,page 33Contraponto, et Compositione.33condo, &c. Come di sopra ti hò mostrato.
A conoscer poi, se vn Canto fermo, ò figurato,
sia del primo, ò d'altro tono, gli va altra conside-
ratione, & è questa.

Cognitione per conoscer di qual tono sia vn
Canto figurato.

Bisogna sapere la natura del tono, & quali sia-
no le corde, nelle quali, esso tono fà Cadenza, &
doue finisce, talmente, che importa molto sapere
queste Corde finali, & le Cadenze. dirotti dunque
prima, doue finiscono, & poi le Cadenze sue pro-
prie.
SAPPI, che questi toni, vanno come fanno li
frati, à doi, à doi. Cioè.
Corde fi-
nali.
  • Il primo, & il secondo, finiscono inD.
  • Il terzo, & quarto, inE.
  • Il quinto, & sesto, inF.
  • Il settimo, e l'ottauo inG.
DI questi otto toni, ve nè sono doi, che
spesse volte sono trasportati dalli Cōposi-
tori, per Quarta in acuto co'l soccorso del
bemolle, & sono questi doi. Il PRIMO & SECONDO.
e peròpage 3434Regole dele però vanno à finire ambidoi in G. Hora bene
Tu hai da sapere, che ogni tuono, hà il suo princi-
pio, mezzo, & fine. & sono le Corde, nelle quali
propriamente casca ò per dir meglio fà Cadenza.
Cominciamo dal primo.
  • Il primo tuono, principia in F. tien il Mezzo in A.
    & il fine in D.
  • Il secondo, principia in C. tien il Mezzo, in F. & il
    fine in D.
  • Il terzo, principia in G. tien il Mezzo, in C, & il fi-
    ne in A. ò in E.
  • Il quarto, principia in A. tien il Mezzo, in A, & il
    fine in E.
  • Il quinto, principia in F. tien il Mezzo, in C. & il
    fine in A.
  • Il sesto, principia in F. tien il Mezzo in A. & il fi-
    ne in F.
  • Il settimo, principia in G. tien il Mezzo in D. & il
    fine in A.
  • L'ottauo, principia in G. tien il Mezzo in C. & il
    fine in G.

Per bemolle.

  • Il primo principia in B. tien il Mezzo in D. & il fine
    in G.
  • Il secondo. principia in F. tien il Mezzo in B. & il
    fine in G.
Horapage 35Contraponto, et Compositione.35
Hora se tu haurai bene cognitione de questi to-
ni, & delle cadenze loro, facilmente tu conoscerai,
se vna compositione, sarà del primo, ò del secondo
tono. & adoperandole nella tua Compositione
bene, sarai tenuto per intelligente, & la tua Canti-
lena non potrà esser se non bella.
Tu hai poi da osseruar questo. Che le parti per-
cuotino spesso le sue Corde, doue fanno cadenza,
& particolarmente la finale. Et quando comincia
la Cantilena, deueno le parti esser lontane l'vna da
l'altra per Quarta, ò per Quinta. & questo sia fatto
à proposito secondo il tono. facendo fine poi al-
la Compositione, tu lo farai sempre nella corda fi-
nale del tono. se non fosse, che tu facessi vn Mo-
tetto, ò Madrigale, ò altra Compositione, che ha-
uesse due parti; che all'hora tu potrai finire con la
prima parte nella Medietà. & con la seconda nella
corda finale. Come per essempio. se tu facessi vn
Motetto del primo tono, che hauesse due parti, cō
la prima tu potresti finire in A, re, & con la secon-
da in D, sol re, & in tal modo si fà altri.
Credo d'hauerti detto assai intorno al cono-
scer i toni, & al conoscer se vn Canto figurato, sia
del primo o secondo tono. Resta dirti della cogni-
tione del Canto fermo.
FCO-page 3636Regole del

COGNITIONE PER CONOSCERE
il Canto fermo, se sia del primo, ò secondo tono.

SE bene il primo, & secondo tono, finisco-
no in D. sono però differenti nel proce-
dere loro. Per tanto sappi, che il primo
non passa sotto la sua corda finale, più d'vna voce,
ò due, poi, ascenderà sin all'ottaua di detta corda
finale. (se cosi piacerà al Compositor, di farlo ascē-
dere.) Questo sarà del primo tono.
Il secondo. Non passa la quinta, che lui fà con la
corda sua finale, più d'vna voce. Di poi, descende-
rà sotto la sua corda finale, quattro voci. Questo
sarà del secondo.
Ecco, come chiaramente si può conoscere, se il
Canto fermo sia del primo, ò secondo tono. & tal
consideratione si fà anco delli altri.
Questi toni, sono chiamati AVTENTICI, &
PLAGALI. però sappi, che quattro sono gli Au-
tentici; & quattro i Plagali, & sono questi.

Toni Autentici.

Diuisio
ne delli
toni.
  • Il PRIMO.
  • TERZO.
    QVINTOpage 37Contraponto, et Compositione.37
  • QVINTO.
  • SETTIMO.

Toni Plagali.

  • SECONDO.
  • QVARTO.
  • SESTO.
  • OTTAVO.
MA' tu mi dirai; che mi gioua saper questa
diuisione per il mio componere? io ti di-
co, che se non ti giouasse in altro, ti gio-
ua nell'aria della Compositione;Condi-
tione
del Cō-
posito-
re.
Perche dicono,
che i toni Autentici sono allegri, & i Plagali, me
sti. & perche il Compositore deue hauer questo ri
sguardo, di far che il Canto sia conforme alle pa
rolle; se sono allegre, delli Autentici, se sono meste
delli Plagali, per questo sono stati diuisi, come t'hò
mostrato di sopra. Mà in vero direi, secondo il pa-
rer mio, che il tono, è allegro & mesto, secōdo che
il Compositore lo fà, con l'aria da lui ritrouata. hor
basta, questo è di poca consideratione al tuo com
porre.
F 2Vipage 3838Regole del
Vi sono poi certi toni, che sono Misti, i quali si
chiamano così, perche le cadēze loro sono mesco-
late, hor d'vn tono, & hor d'vn altro. onde da quì
si caua, che alle volte non bisogna far giudicio del
tono, solamente per la corda finale, ma per la Can-
tilena. e per questo t'hò detto, che tu debba seruar
bene le loro cadenze proprie. Di più sappi che
Il Sesto tono, quasi sempre vien fatto per bemol-
le dalli Compositori, & questo auuiene, perche nō
si potria dar la Quinta da f, faut, a B, mi, che buona
fosse, se nō fosse il soccorso del bemolle, e però cre-
do, che per questa causa particolare, & per altre
ancora, sia fatto per il più, dalli Compositori per
bemolle.
Il Quinto, anc'egli si fà per bemolle, & à questo
modo, il Sesto & Quinto, hanno vna corda finale,
che è F. secondo che di sopra t'ho mostrato nelle
quattro corde finali. Sappi però, che se bene finis-
cono tutti doi in f, faut, che però diuerso è il pro-
cedere dell'vno, & diuerso quello dell'altro. Come
sono anco, il Primo, & Secondo. Terzo, & Quarto.
Settimo, Ottauo.
Il Quarto, anc'esso si può far per bemolle, tra-
sportandolo per Quarta in acuto, come hà fatto l'-
Asola, col'Salmo Laudate pueri. à sei. Mà l'hò visto
da pochi esser stato fatto, perche stà bene, & è cō-
modo, al suo luogo, come il Terzo. pure si può fa-
repage 39Contraponto, et Compositione.39re anco à questo modo, chi vole, & non è discom-
modo, per il Compositore.
Hora ti voglio dar vn'altra regola,Altra
cogni-
tione
i toni.
per la cogni
tione delli toni, se bene si potrà chiamar più pre-
sto prattica, che scienza. però è ben fatto saper la
prima, e poi questa Seconda. Intendi bene.
Quando il PRIMO TONO, si compone per be
quadro, guarda che la chiaue del Basso sarà di f, fa
vt, posta in seconda riga. Quella del Tenore sarà in
C, solfaut, posta anc'essa in seconda riga. Quella
del Contralto, sarà di C, solfaut, posta in terza ri-
ga. Quella del Soprano, sarà di C, solfaut, posta nel-
la prima riga.
Il SECONDO. la chiaue del Basso sarà di f, faut,
posta in seconda riga. Quella del Tenore sarà di C,
solfaut, posta in seconda riga. Quella del Contral-
to, sarà di C, solfaut, posta in terza riga. Quella del
Soprano, sarà di C, solfaut, posta in seconda ri-
ga, à basso.

Per bemolle.

IL PRIMO tono, per bemolle. il Basso la
chiaue di f, faut, posta in terza riga, oue-
ro di C, solfaut, posta in seconda riga.
Il Tenore, hà la chiaue di C, solfaut, posta in terza
riga. Il Contralto, hà la chiaue di C, solfaut, po-
stapage 4040Regole delsta in seconda riga, à basso. Il Soprano, hà la chia
ue di G sol re ut posta in seconda riga come si sà.
Il SECONDO. Il Basso,hà la chiaue di f, fa ut,
posta in seconda riga. Il Tenore hà la chiaue di C,
solfaut, posta in seconda riga. Il Contralto, hà la
chiaue, di C, solfaut, posta in terza riga. Il Sopra-
no, hà la chiaue di C, solfaut posta in prima riga.
Vedi come il primo, & secondo tono per bemolle,
sono differenti di chiaue.

Per bequadro.

IL TERZO. Il Basso, hà la chiaue di F, faut, po-
sta in seconda riga. Il Tenore, hà la chiaue di
C, solfaut, posta in seconda riga. Il Contral-
to, hà la chiaue di C, solfaut, posta in terza riga. Il
Soprano, hà la chiaue di C, solfaut, posta in prima
riga.
Il QVARTO. Le chiaui delle parti, sono simi-
li à quelle del Terzo. e come conoscerai dunque,
qual sia il Terzo, & qual il quarto, se le chiaui sono
simili? dico, che & della Cantilena, & dalla corda
finale, tu farai il giudicio. Il QVINTO. Il Basso hà
la chiaue di f, faut, posta in terza riga. Il Tenore, hà
la chiaue di C, solfaut, posta in terza riga. Il Cōtral-
to, hà la chiaue di C, solfaut, posta in seconda ri-
ga, àpage 41Contraponto, et Compositione.41ga, à basso. Il Soprano, hà la chiaue di G, sol reut
posta nel suo luogo.
Il SESTO. Il Basso, hà la chiaue di f, faut, posta
in seconda riga. Il Tenore. hà la chiaue di C, solfa-
ut, posta in seconda riga. Il Contralto, hà la chiaue
di C, solfaut, posta in terza riga, il Soprano. hà la
chiaue di C, solfaut, posta in prima riga.
Questi doi, cioè il Quinto & Sesto, tengono le
istesse chiaui anco per bemolle. Non gliè altro, sal-
uo che se gli aggionge il b.
Il SETTIMO. Il Basso, hà la chiaue di f, faut po-
sta in terza riga, o vero quella di C, solfaut, posta
in seconda riga. Il Tenore, hà la chiaue di C, solfa-
ut, posta in terza riga. Il Contralto, hà la chiaue di
C, solfaut, posta in seconda riga, à basso. Il Sopra-
no, hà la chiaue d G, solreut, posta nel suo luogo.
L'OTTAVO. Le chiaui di questo tono, sono
simili à quelle del Settimo. & à conoscere la diffe-
renza dell'vno, & dell'altro, corre l'istessa raggio-
ne, che t'ho detto del Terzo, & del Quarto.
L'ottauo tono però, Alcuni l'hanno fatto (& si
puo fare chi vuole) con le chiaui del primo tono.
è però, non sono nè anco le chiaui, che totalmen-
te mostrino il tono, mà le cadenze, & corde finali.
Et perche sò, che tu vederai, ò pure tu hai visto,
che alcuni fanno, che questi toni siano dodeci, ag
giongendoui il NONO, DECIMO, VNDECI-
MO,page 4242Regole delMO, DVODECIMO; Però, ti dirò succintamente
quello ch'io ne sento.
I toni, che & dalli Ecclesiastici, & dalli Compo-
sitori sono vsati, propriamente sono otto, & sono
quelli, che t'ho assignati di sopra, Con le sue corde
finali, & Cadenze.
Questi altri Quattro, sono stati aggionti, cauati
però (secondo il parer mio) da quelli otto. Come
chiaramente si può conoscere dalle Cadenze loro,
& corde finali, & facēdo tù qualche Compositio-
ne del NONO, & DECIMO tono, la giudicarai
aria, più presto del settimo tono, che altrimente.
& similmente direi, che L'VNDECIMO, & DVO-
DECIMO, fossero della specie del Terzo, & Quar-
to; ò pur direi, che fossero toni Misti. Però lascio
queste sottigliezze à più sano giudicio del mio. Ba-
sta che per te, seruirāno quelli otto, de i quali cre-
do hauerti dato assai competente sodisfattione.

Solutione de certi dubij, che ti potriano venire per
conto del fine d'alcuni toni.

SONO Alcuni toni, che fanno il fine in diuerso
modo, come si vede, e si sente nelli chori can-
tando il Canto fermo. Però, questo vol dir
poco, basta che le sue corde finali, delle quali il Cō-
posi-page 43Contraponto, et Compositione.43positore fà consideratione, sono quelle quattro,
che di sopra t'ho assignato. Quelli toni, ch'hanno
diuersi fini, sono Quatro, il
  • Primo.Terzo
  • Settimo.Ottauo.
Questo anco tù hai da sapere, che il Terzo, &
Quinto tono finiscono in a, la mi re (parlando de
Salmi) però tù hai d'auertire, che facendo Salmi, tù
ti seruirai sempre delle Corde finali, eccetto in que-
sti Doi; Terzo, & Quinto. Ogni altra Composi-
tione poi che tu faccia (da Salmi in poi) le Corde
finali, ti seruiranno per il fine, & facendo Salmi,
cercarai sempre d'imitar il Canto fermo.

Resta non sò che da dirti.

NON ti hò ragionato, nè ti ho mostrato la
trasportatione del Terzo, Quinto, Sesto,
Settimo, & Ottauo tono, che si doueria
fare per Quarta in acuto, col'socorso del bemolle,
Come si fà anco del primo, Secondo, & Quarto.
Ma sai perche? perche nō ho visto mai, che da Al-
tri, siano stati trasportati. & veramēte, questa tra-
sportatione nō è molto proportionata per questi
toni. Et Creddo, che questa sia la caggione, che al-
tri di tal trasportatione, habbino fatto Silentio.
Chi vorrà far del sufficiente potrà farlo.
GPerpage 4444Regole del
Per esser la Cognitione del tono, & della Caden
za, di molta importanza al Compositore, (hauen-
doti sodisfatto del tono) voglio Contentarti an-
co della Cadenza solamente con due parole.

CHE COSA SIA CADENZA.

CADENZA, è vn riposo & vna terminatio-
ne delle parti, fatta, o nel fine della Can-
tilena, ò nel Mezzo, ò doue piace al Com
positore. Di questa ti farà capace il tuo giudicio,
& l'orecchia Cantādo. & fatta che sarà la Cadēza,
tutte le parti haueranno, vna de queste note Co-
ronate; ò vna lōga, ò vna breue, ò vna semibreue.
Non parlo di quelle Cadenze, che si fanno frà la
Cantilena, è subito si passa, nò, mà di quelle fer-
matiue, per dir così. & à fine che tù sappia Cono-
scere queste Coronate, & seruirtene nella tua Cō-
positione, ti dirò due parole breuemente, intorno
a queste, & altri segni. Come Ritornello, & presa;
cossette tutte bisognose per la perfettione del Cō-
positore.

Della CORONATA.

LA Coronata, non è altro che vna nota di lon-
ga, ò di Breue, ò di semibreue, con vn semi-
circolopage 45Contraponto, et Compositione.45circolo di sopra, & vn ponto in mezzo. & questa
si pone per fine, fatta che tu haurai la cadenza fer-
matiua.

Del RITORNELLO.

IL RITORNELLO, sono due pause di longa, po
ste appresso l'vna all'altra, con quattro ponti in-
sieme, doi da vna parte, & doi dall'altra; Il qual RI
TORNELLO ti fà sapere, che tu debba ritornare à
cantar la cosa, che sino al RITORNELLO, tu hai
cantata de tali essempi, i libri nè sono pieni, & par-
ticolarmente, nè i libretti delle villanelle à tre voci,
si vedono.

Della PRESA.

LA PRESA poi, non è altro, che vn s, con doi pō
ti, vno di quà, & l'altro di la, come quì .s. & que
sto segno, si mette sotto quella nota, che si vuole,
che si pigli, come si vede nelli Canoni particolar-
mente. & doppò ch'io son à questo proposito, ti
voglio dir non so che, che ti sarà à caro saperlo.
Hai tù mai visto, Canon in Diapente, Diatesse ron, Diapason, & simile parole? non può esser di
māco. ti dirò io, che cosa vol dire. Tu trouarai leg-
gendo libri di Musica, & particolarmente sopra i
Canoni, questi termini. Diapente, Diatesseron,
Diapason, &c. auertisse, che sono nomi d'alcune
consonanze, & sono queste.
  • Quarta& è chiamata,Diatessaron.
  • Quinta& è chiamata,Diapente.
    G 2Ottauapage 4646Regole del
  • Ottaua& è chiamata,Diapason.
  • Duodecima& è chiamata,Diapason Diapēte.
  • Quintadecima,& è chiamata,Disdiapason.
Ti hò voluto dechiarar questo, acciò studiando
tù altri libri, & trouando questi termini, ò nomi, tù
non resti sospeso.
Non sò poi, se tu ti riccordi, ch'io ti dissi al prin-
cipio, parlādo del Cantore, che bisognaua, che ha-
uesse cognitione, delli Modi, Tempi, Prolationi, Fi-
gure, & altri segni, che dalli Compositori sono mo-
strati, nelle lor Cantilene; sì? Hor bene voglio dir-
ti in che modo s'adoprino, & si mostrino nelle Cō-
positioni, acciò ancor tù li sappi adoperare, & mo-
strare. Hora metti il ceruello à segno.
Tu hai da sapere, che in ogni Canto misurato vi
si trouano queste tre cose.Gradi
della
Cantile
na.
MODO, TEMPO, PRO-
LATIONE. Et questi sono hora perfetti, & hora
imperfetti, secondo che piace al Cōpositor di mo-
strare, nelle sue Cantilene. Ti dirò prima (& più bre
uemente, & facilmente, che sia possibile) qual sia il
MODO, TEMPO, PROLATIONE. e poi ti dirò
come si mostrino, cioè quando sono perfetti, &
quando nò, vedi quà.
Le figure, cioè le note, in numero sono otto. Mà
di queste otto, se ne cauano fuori cinque, le quali
sono sottoposte alla perfettione, & imperfettione,
& sono chiamate note essentiali: quali sono queste
cinquepage 47Contraponto, et Compositione.47cinque essentiali, & principali? sono. Note
essentia
li, & pr[[i-n]]
cipali.
La MASSIMA, La LONGA.
La BREVE.
La SEMIBREVE, & la MINIMA.
Alla Massima, &
Alla Longa,si dice Modo.
Alla Breue,si dice Tempo
Alla Semibreue, &
Alla Minima,si dice Prolatione.
In che modo si sia fatto questo, te lo dirò.

Come siano state ritrouate, queste cinque note,
Essentiali, & principali.

SAPPI che la breue, è stata la prima à esser
ritrouata, & creata, e per questo ella è det-
ta la Madre di tutte le altre, e perciò gli fù
posto nome, il Tempo. Da questa nota Breue, chia
mata Tempo; parte per moltiplicatione, & parte
per diuisione di questo Tempo, furon create, la Lō-
ga, la Massima, la Semibreue, & Minima, à questo
modo.
Per mol
tiplica-
tione.
Il Tempo fù moltiplicato due volte, ponendo
due Breui in vn corpo solo, & fù creata la Longa,
chiamandola Modo.
Questopage 4848Regole del
Questo Tempo fù maggiormente moltiplicato,
ponendo quattro tempi intieri, cioè quattro Breui
in vn corpo solo, e così fù creata la Massima, la qual
ancora lei fù chiamata Modo.
Poi, secōdo che per moltiplicatione del tempo,
sono state create queste due, la Longa, & la Massi-
ma, chiamandole Modo, così medemamente per
DiuisionePer Di-
uisione.
di questo Tempo, fù creata la Semibre-
ue, ponendo due semibreui per vn tempo, & que-
sta fù chiamata Prolatione.
La Minima anc'essa fù creata per Diuisione del-
la semibreue, ponendo due minime per vna semi-
breue. & questa ancora, fù chiamata Prolatione.
Talmente, che tù hai visto, come dalla Breue, so-
no state create queste altre quattro figure, cioè,
Massima, Longa, Semibreue; & Minima. le prime
due per moltiplicatione del Tempo, & le altre due
per Diuisione.
Da quì auuiene, che ogni canto misurato, è Cō-
posto di Longhe, Breui, Semibreui, & Minime. e
così per consequenza (essendo la Longa, chiama-
ta Modo. la Breue Tempo. la Semibreue, Prolatio-
ne) potremo dire con verità, che vn canto Misura-
to, non può stare senza questi tre gradi, se perfet-
tamente, lo vorremo cantare. tra i quali gradi,
vi è Maiorità, & Minorità, Perfettione, & imper-
fettione. vedi quà.
Lapage 49Contraponto, et Compositione.49
  • La Massima, detta Modo Maggiore.
  • La Longa,è detta Modo Minore.
  • La Breue,è detta Tempo.
  • La Semibreue,è detta Prolatione Minore.
  • La Minima,è detta Prolation Maggiore.
Hor tu vedi, come trà di loro, vi è questa Maio-
rità, & Minorità, perfettione, & imperfettione. &
questa Maiorità anco ella è perfetta, & imperfetta.
vedila quà chiara.
La Massima. è Modo maggiore; & è Modo mag
giore perfetto, quando che in vna Massima, sono
considerate tre Longhe. ella è Modo imperfetto,
quando che in essa Massima sono considerate due
Longhe solamente.
La longa. è Modo Minore; & è modo minore
perfetto, quando che in vna longa sono conside-
rate tre breui, ella è modo minore imperfetto, quā-
do solamente due breui, in essa longa, sono intese.

Il Tempo.

IL Tempo poi, egli è perfetto, & imperfetto. il
tempo è perfetto, quando che in vna Breue,
sono considerate tre semibreui, imperfetto;
quando in essa Breue, solo due semibreui, sono cō-
siderate.
La Semibreue, è Prolatione Minore. ella è perfet
tapage 5050Regole delta quando, che in vna semibreue, sono conside-
rate tre minime. Imperfetta poi quando, che sola-
mente due minime, in essa semibreue sono consi-
derate.
Più Chiaro.
La massima perfetta, vale Longhe. imperfetta.
La Longa perfetta, vale Breui. imperfetta.
tre Due
La breue perfetta, vale Semibreui. imperfetta.
La Semibreue perfetta, vale Minime. imperfetta.

Auanti ch'io passi più oltra, ti voglio leuar la sete di sa-
pere, per che la Massima sia detta modo Maggiore
& la Longa Minore.

TI dirò; la massima è detta modo maggio-
re, per che in essa vi è piu moltitudine de
tempi intieri. non vedi, che quattro Bre-
ui, Creano la Massima?
La longa è detta modo Minore; Perche manco
tempi sono inclusi, in essa. Come tù vedi, che sole
due Breui, fanno la longa. & medemamente corre
l'istessa raggione ancora della prolatione, parlan-
do per diuisione.
La Minima è detta Prolation Maggiore, perche
in più parti diuide il tempo. &
La Semibreue. è detta Prolation Minore, perche
in man-page 51Contraponto, et Compositione.51in manco parti, ella diuide il tempo. Questa è la cau
sa, perche si dice Modo Maggiore alla Massima, Mo-
do Minore alla longa. & Prolation Maggiore alla
Minima, Prolation Minore alla semibreue.
Hora, questi tre gradi; MODO, TEMPO, PROLA-
TIONE. Hāno i suoi segni di perfettione, Sotto i
quali le note sono perfette. e però, ti dirò prima
Qual sia il segno perfetto del Modo, & poi seguirò,
quello del Tempo, & Prolatione.
Il segno del Modo Maggiore perfetto,Qual sia
il segno
del Mo
do mag
gior [[per]]-
fetto.
saranno
due pause, (Alcuni fanno, che sian tre) che abbrac-
ciaranno quattro righe.
Il segno del Modo minor perfetto,Qual sia
il segno
del Mo
do mi-
nor per
fetto.
sarà vna pau
sa sola, che abbracciarà pur quattro righe.
Il Segno del tempo perfetto,Qual sia
il segno
del Tē-
po per-
fetto, &
imper-
fetto.
sarà vn circolo in-
tiero, ò trauersato. Quello del Tempo imperfetto
sarà vn semicircolo semplice, ò trauersato.
Il Segno della Prolatione perfetta,Qual sia
il segno
della
Prola-
tion [[per]]-
fetta.
sarà vn pon-
to nel mezzo del circolo intiero, ò trauersato, ò se-
micircolo semplice, ò trauersato.

Auttorità delli segni perfetti sopra le note.

CIascuno di questi segni perfetti, ha autto-
rità sopra le sue note. Verbi gratia. se si
mostra il segno del Modo Maggior per-
fetto,Auttori
tà del
Modo
Mag-
gior [[per]]-
fetto.
esso haurà auttorità solamente sopra la Mas-
sima. se si mostra quello del Modo minor perfetto,Auttori
tà del
Modo
page break Minor
perfet-
to.

Hhauràpage 5252Regole delhaurà auttorità solamente sopra della Longa. Se si
mostra il circolo intiero,Auttori
tà del
Tempo
perfet-
to.
ò trauersato, solamēte per
la Breue, s'intende la perfettione, & mostrando il
ponto nel mezzo del Tempo,Auttori
tà della
Prola-
tione [[per]]
fetta.
s'intende la perfettio
ne solamente, per la semibreue, & minima.
Mà tù mi dirai.Quesi-
to.
e come saprò io conoscere la per-
fettione, & imperfettione per queste note? forse,
che non è facil cosa da intendere?Come
s'inten-
da la [[per]]-
fettio-
ne, &
imper-
fettio-
ne nel
Canto.
ogni volta, che
si mostrano i loro segni perfetti, all'hora la perfet-
tione preuale sopra di loro. & quando non si mo-
strano, restano in suo essere, cioè imperfette. per-
che tù hai da sapere, che la perfettione s'intende
per la dimostratione delli segni perfetti, & la im-
perfettione, s'intende per la priuatione loro.
Questa perfettione che tu hai intesa fin quì, è v-
na sorte di perfettione, che corre nelle note per ri-
spetto del numero ternario. Come dire. sotto il se-
gno del Modo perfetto, si numera tre longhe, in-
tese in vna Massima, ò vna Massima considerata
per tre longhe. & medemamente tre Breui, intese
in vna lōga, ò vna Longa cōsiderata per tre Breui.
Sotto il circolo intiero, che è il tempo perfetto,
si numera tre semibreui, comprese in vna Breue, ò
vna Breue s'intende per tre semibreui. Sotto il segno
della Prolatione perfetta, si numera tre minime cō
prese in vna semibreue, ò pure si considera vna se-
mibreue, per tre minime. & in somma, à dirlo chia-
ro,page 53Contraponto, et Compositione.53ro, i segni perfetti vanno numerati ternariamente.
Hor senti vn'altra perfettione, la qual ancora
lei, è di numero ternario, & è simile à quella, che
t'ho già detto di sopra, mà nel cantare fà altro effet
to, cioè altro moto. Senti.
Vi è la proportione SESQVALTERA, che dalli
Cantorucci è chiamata Trippa, mà credo, che più
presto vorriano dire Busecca. Hor basta. Dico, che
le note sotto il gouerno di questa proportione ses-
qualtera, vanno cantate à tre, à tre, & la battuta è al
terata in questo modo. Due note, ouero l'equiualē-
te di quelle due note, si cātano nella positione del-
la battuta, & l'altra nella eleuatione. Et quali sono
queste tre note, che due ne vanno cātate nella de-
positione della battuta, & vna nel leuare? Sono tre
semibreui, ò tre minime, ò tre semiminime, secōdo
che il tēpo, ò la zifra mostra, due in giù, & vna in sù.
Et quādo si mostra questa Proportione, deue pro
priamēte il Cōpositore mostrar il tempo perfetto,
cioè il circolo trauersato cō due zifre, vna ternaria,
& l'altra binaria. Mà hò visto,Errore
d'alcuni
compo
sitori.
che molti, dico molti;
hanno abusato questo, perche hauendo fatta nelle
loro Cātilene, questa proportione, l'hāno fatta sen-
za mostrar il tempo perfetto, mà solo cō vna zifra
sola ternaria; cosa, che à me non piace. Perche, chi
mostra la perfettione, & l'imperfettione, se non il
tempo? egli è giusto, mettere à campo in soldati sen
H 2za ilpage 5454Regole delza il suo Capitano? Penso però, che questi tali Cō-
positori, l'habbino fatto, nō perche, non sappino
la cosa come si debba fare, mà per māco fatica del-
la pēna; ò perche, il Cantore subito, che vede quel-
la 3. s'accorge che bisogna darsi mano con i Zop-
pi, non discorrendo più oltra. Et auertisse bene,
che sotto questa battuta zoppesca, dico alterata;
Altre note vāno cantate à tre, à tre, senza segno al-
cuno, nè di tēpo, nè di zifra. Le note, che vāno cā-
tate à questo modo, sono tre semibreui negre, ò tre
semiminime; & questa gli antichi l'hanno chiama-
ta EMIOLIA. Si scaccia poi questa battuta, & il
numero ternario, con la bianchezza delle altre.
Tu trouarai anco le minime, che pur vāno à tre,
à tre, in battuta, mà si segna il semicircolo semplice
co'l ponto nel mezzo, & vna zifra ternaria. Questa
dico, esser proportion minore; & à scacciar questa
battuta, & il numero ternario, si pone il semicirco-
lo semplice, ò trauersato come si vole, priuo del pō-
to nel mezzo, & della zifra.

Regola generale, per il Cantore di questa battuta
alterata.

SAPPI, che sempre tre note vanno per battuta,
ò che saranno tre semibreui. (& queste saran-
no nella proportion maggiore. ò che saranno tre
semibreui negre, ò tre semiminime, (& queste sa-
rannopage 55Contraponto, et Compositione.55ranno nella EMIOLIA, ò che sarāno tre minime,)
& queste saranno nella Proportion Minore.
Hora che tù sai, quali siano i segni del Tempo,
perfetti, & imperfetti, & le note al loro gouerno
sotto poste, bisogna che tu sappia anco i segni del-
le note, i quali segni si chiamano pause, ò battute
come tu vuoi, che nel Canto dimostrano silentio;
& sono propriamente denominate dalle note. co-
me tù sai, che vna virgola, ch'abbraccia tre righe,
egli è il valore della Longa. Et vna virgola, che nè
abbraccij due, egli è il valore della Breue. Et và dis-
corrēdo delle altre, (sono chiamati segni, ò pur pau
se inditiali, & essentiali) Hor voglio dire, che queste
pause, fanno l'istesso effetto di perfettione, ò per
dir meglio, sono sottoposte alla perfettione, nell'i-
stesso modo, che sono sottoposte le note, quando
i segni della perfettione, lo comandano. Mà, che?
le pause hanno questo priuilegio, di non patir mai,
nè imperfettione, nè alteratione. cosa, che non è
così nelle note; Perche le note, alle volte sono per-
fette, alle volte imperfette, & alle volte alterate, co-
me quì di sotto ti dirò.

In che modo le Note siano perfette, ò imperfette, sotto
i lor segni di Perfettione,
Della MASSIMA.

LA MASSIMA, Primieramēte mai patisse Al-
tera-page 5656Regole delteratione. Poi ella è perfetta, essendo posta innan-
zi ad vn'altra simile à se. ò vero posta innanzi alle
pause della sua denominatione, ò vero essendo ac-
compagnata col'ponto di perfettione. imperfet-
ta; essendo fatta negra; ò vero se doppò lei nō se-
guita vn'altra simile à se, ò vero le pause della sua
denominatione, ò vero se non è pontata, col'pon to di perfettione.

Della LONGA.

LA LONGA. è perfetta posta innanzi ad vn'al-
tra longa, ò vero posta innanzi alle pause del-
la sua denominatione, ò vero essendo accōpagna-
ta col ponto di perfettione; ò vero posta innanzi
ad vna Massima, (se il ponto di diuisione però, non
l'offende.) Della sua imperfettione, la raggione va-
le, che lì di sopra hò detto della Massima.

Della BREVE.

LA BREVE. è perfetta posta innanzi ad vn'al-
tra simile à lei, ò vero posta innanzi alle sue
Maggiori (Massima Longa) se il ponto di diuisio-
ne non vi è posto nel mezzo. ò vero, e perfetta po
sta innanzi alle pause della sua denominatione, & à
quelle delle sue maggiori. ò vero essendo pontata
col'ponto di perfettione. ò vero essendo posta in-
nanzi due pause di semibreue, poste tutte due in
vnapage 57Contraponto, et Compositione.57vna istessa riga.

Della SEMIBREVE.

LA SEMIBREVE. sotto il suo segno [[per]]fetto, (in-
tendi sempre il ponto nel mezzo del tempo)
ella è perfetta posta innāzi ad vn'altra semibreue,
ò vero posta innanzi ad vna pausa di semibreue, ò
vero posta innanzi, à qualche sua maggiore, (se il
ponto di diuisione, non vi si interpone. ò vero ella
è perfetta, essendo pontata col'ponto di perfettio
ne, ò vero posta innanzi à due pause di Minima, po
sta in vna istessa riga.

Dell'Alteratione delle note alterabili, le quali sono quat-
tro, cioè Longa, Breue, Semibreue, & Minima.

LA LONGA. è alterata, se si ritroua seconda frà
due Massime. se però il ponto di diuisione, nō
la perturba, o vero ella s'altera, se vien posta frà il
ponto di diuisione, & vna Massima.
La Breue. anc'essa è alterata, se è posta per secō-
da frà due longhe, se il ponto di diuisione non la
guasta. & similmēte s'altera, s'ella è posta frà il pō-
to di diuisione, & vna longa.
La SEMIBREVE. Medemamente si altera, es-
sendo posta per seconda frà due Breui, se il ponto
di diuisione, non la rompe. & similmente s'altera,
s'ella è posta frà il ponto di diuisione, & vna Breue.
s'al-page 5858Regole dels'altera ancora, s'ella si ritroua frà due pause di Bre-
ue, ò pure se si troua quinta frà due breui.
La minima. Ancora lei si altera, se si troua secō-
da frà due semibreui, non essendoui però il ponto
della perturbatione, dico di diuisione. s'altera an-
cora, s'ella è posta frà il ponto di diuisione, & vna
semibreue, ò pausa di semibreue. è ancora alterata,
ritrouandosi nel mezzo di due pause di semibreui.
Hora che t'hò detto dell'alteration delle note,
voglio che tù sappia anco, che cosa sia alteratione,
perche inuero fà bisogno saperlo.

Che cosa sia Alteratione.

ALTERATIONE. Altro non è che il duplica-
to valore della Nota alterata. la quale altera-
tione,Perche
si fac-
cia l'al-
teratio
ne.
non si fà per altro, saluo che per la reintegra-
tione del numero ternario. Et questa Alteratione,in quali
gradi si
ritroua
l'altera
tione.

solamente nelli gradi di perfettione si ritroua. & tù
hai da sapere, che l'alteratione Casca cosi nelle lega-
ture, come nelle note sciolte. Questa Alteratione
(non volendola) si scaccia ò con la negrezza, ò col' ponto di diuisione.
Et perche tù m'hai sentito motteggiare del pon-
to, con dire, ponto di perfettione, ponto di diui-
sione &c. quasi che vì siano più sorti de ponti, (del
che non si deue dubitare) perciò tì voglio dechiarar
questa sua diuisione, come quella che fà bisogno, &
nellipage 59Contraponto, et Compositione.59nelli gradi di perfettione, & nelli tempi d'imper-
fettione ancora.

Diuisione del PONTO.

IL ponto si diuide in tre. Ponto di perfettione.
Ponto di Aumentatione. Ponto di Diuisione.
Il ponto di perfettione,Del pō-
to di [[per]]-
fettiōe.
serue solo nelli gradi di
perfettione, in questo modo. Quando vna nota,
s'imperfecisse per via d'una figura, ò pausa, che si
fa per conseruarla perfetta se gli pone appresso
questo ponto, il quale la conserua nella sua perfet-
tione. Et per questo,Perche
sia detto
pōto di
perfet-
tione.
è chiamato ponto di perfet-
tione.
Il ponto di Aumentatione,Del pō-
to di Au
mētatio
ne.
serue solo nelli gra
di, ò nelli tempi imperfetti. & questo si pone ap-
presso che nota si vole accrescendoli la metà del
suo valore. onde si dice. Il ponto appresso la no-
ta, vale la metà della nota, doue è appresso. (parlan
do di questo.) e così è detto ponto di Aumenta
tione,Per che
sia det-
to pon-
to di Au
mētatio
ne.
per l'accrescimento del valore, ch'egli ap-
porta alla nota.
Il ponto di Diuisione,Del pō-
to di Di
uisione.
serue solo nelli gradi di
perfettione, mà non si scriue appresso la nota, al
modo, che si fà delli altri doi, mà ò più alto, ò più
basso si mette. Et è detto ponto di Diuisione,Perche
sia det-
to pon-
to di Di
uisione.
per-
che diuide, ò separa vna nota dall'altra.
Questo ponto, egli hà tre nomi. Ponto d'im-
Iper-page 6060Regole delperfettione. Ponto d'alteratione. Ponto di Tra-
sportatione. Di questi tre, non ti voglio intrigar il
ceruello, perche, se bene questo pōto fà questa di-
uisione, egli è però quello, che fà questi tre officij;
ch'imperfecisse, ch'altera, & che trasporta. Tutto
questo raggionamento, che t'ho fatto sin qui, nō
contiene altro, se non la dichiaratione del Modo,
Tempo, e Prolatione, i quali gradi, sono queste
Note. Massima, Lōga, Breue, Semibreue, Minima.
Et auanti ch'io passa più oltra, dir ti voglio due pa
role della Negrezza, perche di questa se ne serue,
& nelli gradi di perfettione, & nelli tempi imperfet
ti ancora. Hor stà à sentire.

L'effetto della Negrezza.

LA Negrezza sempre leua vn terzo alla Nota,
che vien fatta negra. Nelli gradi di perfettio-
ne, imperfecisse la nota, togliēdoli vn terzo del suo
valore. Nelli tempi imperfetti, sempre leua vn ter-
zo del valore della nota, come hò detto; Ti dirò, le
note, che si fanno negre, ad vna, ad vna, acciò tu
resti più sodisfatto. Et prima.

Della Breue fatta negra sotto il tempo imperfetto.

LA breue fatta negra vale vna semibreue co'l
ponto, ò pur parlādo più chiaro, vale vna bat-
tuta e mezza. Et essendo posta così negra, doppò
leipage 61Contraponto, et Compositione.61lei seguiranno due semiminime, ò vero vna semi-
breue negra, la quale in questo caso, ella perde la
metà, & vale se non mezza battuta.

Della Semibreue.

LA Semibreue fatta negra perde vna semimini-
ma, ò pure diremo così, vale tanto come fà
vna Minima co'l ponto, & doppò lei, seguirà vna
semiminima, ò vero due Crome.

Della Longa.

NON ne parlo. Perche (nel tempo imperfetto
tanto) nō si vsa farla negra. Ti hò però , che quādo fossero molte note negre, vna
doppò l'altra ridutte insieme; dico, che all'hora sa-
ranno considerate nella proportione chiamata
Emiolia. Et andaranno cantate à tre, à tre, al mo-
do zoppesco, cioè con la battuta alterata.
Hora, che hò spedito di parlarte di queste cin
note essentiali, & principali, parmi che adesso sia
tempo di raggionarti della semiminima, Croma,
& semicroma.Perche
siano sta
te ritro
uate, la
semimi-
nima,
croma,
semicro
ma.
come quelle, che sono state ritroua
te per ornamento del canto, & nō per bisogno del
Modo, Tempo, Prolatione; diminuendo la Mini-
ma,Diminu
tione
della mi
nima.
in queste tre parti. Semiminima. Croma. Se-
microma.
I 2Dellapage 6262Regole del

Della SEMIMINIMA.

CREDO, che tu sappia, che si mandano due
Minime per battuta, & quattro delle semimi-
nime: Però, volēdosi seruire, & delle Minime, & del
le semiminime nella Compositione, la regola ge-
nerale sì delle minime, come delle semiminime, è
questa;Regola
genera
le delle
minime
& semi-
minime
che si deue fare la prima consonante & la
seconda dissonante. (parlando però quando si mo
uono grado.) se saltano poi, deueno esser tut-
te consonanti.
Di poi, alle volte (e ben spesso) nella composi-
tione nè vien esser fatte se non due, le quali seguita
no doppò vna semibreue co'l ponto, ò doppò vna
semibreue sincopata. Queste si fanno sempre nel-
l'eleuatione della Battuta. di queste, alle volte la pri
ma sarà consonante, & la seconda dissonāte; & al-
le volte la prima sarà dissonante, & la secōda con-
sonante, secondo che si procede con le parti.
Ti voglio ben dir questo per sicuro, che quan-
do tù nè farai due & che la prima habbia da essere
dissonante, bisognarà che la bianca sia buona. In
ogni altro modo, che se ne faccino se non due, bi-
sognarà che sempre siano buone, saltando se sarā-
no buone, senza saltare, sarà negro.
Questo è in quanto al saperle porre nella com-
positione Consonanti, & dissonanti. la naturaNatura
delle se-
mimini
me.
lo-
ropage 63Contraponto, et Compositione.63ro poi, è più presto di descendere, che d'ascendere,
Questo però sì fa, secondo che mette commodo;
auertendo però, che se si fà qualche tirata, che as-
cenda, sempre si deue andar diritto, senza schauez-
zar la tirata; come dire, re mi fa sol sol. Nel descen-
dere poi si può fare, come dire, sol fa mi re re.
La regola, di far, che la prima sia buona, la secō-
da cattiua, la terza buona, andando di mano in
mano, è stata guastata però da alcuni Composito
ri; mà l'hanno fatto solo nel descēdere. perche se
ascendessero, non può farsi in alcun modo.
Sono però huomini eccellēti, & cōsumati vn CI-
PRIANO RORE, ADRIANO, VVILAERT,
ORLANDO, LASSO, MORALES, il PALE-
STINA, & tanti altri.

Della Croma, & semicroma.

L'Istessa regola, che corre delle semiminime, tan-
to corre per la croma, & semicroma, & se bene
sono veloci, & velocissime, doue pare, che si bene
si facesse qualche erroretto, (come ò di due quin-
te, ò nō si seruasse, che la prima fosse buona, la secō
da cattiua, terza buona) non sia scoperto con l'o-
recchia; dico però, che stà bene à seruar la regola lo
ro, la quale è quella, che hò detto della semimini-
ma. & già, che hò detto, che queste note si fanno
per grado, & per salto, (per grado vna buona, l'al-
trapage 6464Regole deltra cattiua, per salto tutte buone) senti anco due
.

Del salto.

IL maggior salto, che tù possi fare (lodato, & cō-
modo al cantore) si è il salto d'un'ottaua. si salta
poi in molti modi frà questa ottaua, de i quali par-
te sono buoni, & parte cattiui. quelli, che tu haurai
da schiuare, sono questi.Salti il
leciti.
salto di settima, & salto di
sesta maggiore. il salto della sesta minore ascenden
do, è buono, descendendo, non è troppo lodato.
Doppò, che sono state ritrouate queste otto fi-
gure;Nomi
delle fi-
gure.
MASSIMA LONGA, BREVE, SEMIBRE-
VE, MINIMA, SEMIMINIMA, CROMA SE-
MICROMA. è anco stata ritrouata la battuta, sot-
to la quale s'hauesse da considerare, & cantare il lo
ro valore, & questa battuta, è quella, che il tutto
regge e gouerna. che ciò sia il vero, se si canta sen-
za la battuta, si vede che ogni cosa subito và in ro-
uina, e precipitio, & in questo caso, colui che la bat
te, deue batterla bene, & salda, acciò con questo ti-
more, & col'ualore del Nocchiero, la barca sij gui-
data a bon porto.

Della battuta.

LA BATTVTA, è vn segno egualmente fatto
dal Musico con la mano, in giù, & in sù. Alle
voltepage 65Contraponto, et Compositione.65volte poi ella è ineguale, & questo auuiene per il
segno della proportion Sesqualtera, ò per qualche
zifra ternaria.
La Cognitione dell'etimologia dei nomi, è quel
la, che ne fà restar capaci più presto della cosa. però
m'arricordo, che t'ho detto, che le qualità del Cō-
traponto, sono trè. Diminuito. Fugato. & Legato.
sò che tù hai à caro saper, che cosa sia diminutio-
ne, ligatione, & fuga, è veramente ti farà seruitio.
apri dunque l'orecchie, che ti dirò prima.

Che cosa sia DIMINVTIONE.

DIMINVTIONE non è altro, che il spezzamē
to del tempo, & quanto più si spezza con se-
miminime, Crome, & semicrome, tanto più si chia
marà vera diminutione.

Che cosa è FVGA.

FVGA, non è altro, che il replicare quello, che
già hà cantato in'altra parte, passando per l'i-
stesse corde, & se si farà questo co'l soprano sopra
la parte graue si potrà fare per le istesse corde si,
mà all'ottaua. la fuga si può fare in doi modi;Come
la fuga
è dop-
pia.
ò che
sarà RETTA, ò che sarà CONTRARIA. RET-
TA, cioè che tutte due le parti dicchino le istesse
note. come dire, vt re fa, & l'altra, vt re fa. , ò descendendo tutte due le parti. CON-
TRARIApage 6666Regole delTRARIA. cioè, che vna ascenda, & l'altra descen-
da, facendo le parti vn'atto istesso. (per mouimē-
to contrario però, intendi bene) & questa è più in-
geniosa.
Vi è vn'altra sorte di procedere, che pare, che sia
fuga nel vederla, ma non è così. ella è imitatione;Limita-
tione.

& questa è, quando le parti si vanno imitando, (ò
per dir così) fanno fuga, mà in diuerse corde: &
questo modo si chiama, IMITATIONE.

Che cosa sia LIGATIONE.

LIgatione non è altro, che il Congionger insie-
me il fine, & principio della Battuta; & per cau
sa di questo ligamento, la nota poi vien esser chia-
mata sincopa. & già che siamo a parlar di sincopa,
con poche parole, ti dirò l'esser suo. Vedi.

Che cosa è SINCOPA.

LA sincopa si ritroua in tutti i tempi, mà parti-
colarmente in questi doi; Tempo di breue, &
Tempo di semibreue. Nel tempo di breue ella sarà
vna semibreue. nel tempo di semibreue, ella sarà
vna minima. dico dunque, che sincopa si chia-
ma quella nota, che piglia il fine, & il principio, par
te ò del principio, & parte del fine della battuta, le-
gato insieme.
mà qual è il tempo di breue, & semi-
breue?Qual sia
il tempo
di breue
& semi
breue.
Tempo di breue, egli è vn semicircolo tra-
uersato.page 67Contraponto, et Compositione.67uersato. Il tempo di semibreue, egli è il semicircolo
semplice. e che vol dir questo? Vol dire, che il Com
positore deue sotto il tempo di breue, procedere
con note bianche, cioè, longhe, breui, semibreui,
minime, & semiminime; & deue sotto questo tēpo
finire nel numero di breue. e perche cosi? perche
sogliono i Musici à piacer loro, vedēdo questo tē-
po, battere alla breue, ò come si dice, per medium,Che co
sa vo-
glia dir
per Me-
dium.

ch'altro nō vol dire, che far passare vna breue, per
vna semibreue; & se il Compositore nō hà hauuto
questo auertimento di finire, nel numero della bre
ue, ne succede questo disordine, che la battuta fi-
nisse sù. sotto il tēpo di semibreue poi, deue il cō-
positore procedere cō note di semibreui, Minime,
Semiminime, Crome, & semicrome, vsando di ra-
ro, Breui.
Non m'arricordai anco, quando ti parlai della
cognitione delli toni, per via delle chiaui, che il se-
sto, & il secondo, il primo, & il quinto, se sono fatti
per bemolle, hanno le chiaui simili; però in questo
bisogna hauer l'occhio al & alle cadēze, che in
vn tratto si conosce facilmente la differenza loro.
Horsu per sigillo di questo mio raggionamen-
to, ti voglio dare alcuni auertimenti per la compo
sitione, i quali se tù osseruarai, non potrà esser la
composition tua, se non buona, e perfetta.
Molti sono gli auertimenti, che deue hauere il
KCom-page 6868Regole delCompositore, se vuole, che la sua compositione sia
perfetta. Però te nè dirò alquanti delli più importā-
ti, acciò tu sappia ridurre la tua cōpositione al se-
gno della perfettione. & sono questi.

Auertimenti per la Compositione.

PRima tù hai da seruare molto bene il tono, del
quale tù vuoi fare la tua cātilena. & questo è il
principal scopo di colui, che vol componere.
Poi, tù hai da comporre la tua cantilena, di cō-
sonanze, & dissonanze insieme, ben poste, & accō
modate, secondo le regole loro.
Poi, tù hai da dar principio cō le parti, per quar-
ta, ò per quinta; cioè, che nel dar la voce da vna al-
l'altra, non vi sia l'interuallo più di quattro ò cin
voci, & questo tù farai commodamente, se tù for-
marai bene l'ottaua di quel tono, che tù fai la cō-
positione. come per essempio. tù fai vn motetto
del primo tono; tù dirai, rela, re sol, partendoti dà
desolre, andando in alamire, & dà alamire andan-
do in delasolre. & tāto tù farai delli altri, secondo
la natura loro
Poi, tù hai da dar principio nel cantare con fi-
gure, che siano simili, come dire tù dai principio
ad vna parte con vna breue, ò semibreue, tanto
deue principiare ancora le altre parti, & sarà giudi
ciosamente fatto.
Poi,page 69Contraponto, et Compositione.69
Poi tù hai d'auertire di procedere cō le note ordinatamente,
più che sia possibile, cioè di non metterne vna di molto valore,
inanzi vn'altra di picciol valore; come saria dire, far vna breue,
è poi seguitar con vna semiminima, ò croma. di questo facilmen-
te tù sarai auertito, se tù ti gouernarai, secondo che comanda il
tempo di breue, & di semibreue. in questo fatto, bisogna esser
giudicioso.
Poi, tù farai cantare bene le parti, cioè, che vadino per grado
più, che sia possibile, & non far salti prohibiti, nè incommodi,
perche rende maggior armonia nella cantilena, & maggior com
modità al cantore, auertendoti di far star le parti unite frà di lo-
ro, & far cantar bene particolarmente il basso, facendolo saltare
gratiosamente con salti commodi, & proportionati alle corde,
doue si hà da far cadenza. & se il basso, caminarà bene, o per dir
meglio cantarà bene, tutte le altre parti non potranno essere se
non ben fatte ancor loro; perche in uero il basso, si chiama la ba-
se, & fondamento nella musica.
Poi, tù hai d'auertire, che le parole siano bene accōmodate cō
il loro senso alle cadenze, & far cadenza con la conclusione delle
parole; & se tù facessi altrimente, oltra il disgusto dell'vdito, tù
ancora saresti tenuto per poco intelligente.
Poi, tù hai d'auertire, di non far cantare vna parola, che sia bre
ue per longa, ò per il contrario, di longa farla breue, ch'anco que-
sto sarà goffaria, anzi ignoranza espressa.
Poi, tù hai d'auertire, che quando tù volessi far la proportione
Sesqualtera, ò alterar la misura, cō qualche altro segno; tù dourai
con tal proportione, ò alteratione, principiare nel principio del-
la battuta.
Poi, tù hai d'auertire d'imitar le parole, cioè, se significano Piā-
to, Mestitia, Morte, & simili; far la Cōpositione dolente; se signi-
ficano Allegrezza, Gaudio, Gioia, & altre simili parole, far la Cō-
positione allegra giouiale. Et se tu osseruarai questo, oltra, che
per intelligente tù sarai tenuto, ti sarà anco di grand'aiutto per
l'inuentione.
Poi, tù hai d'auertire di non far ottaue superflue, nè passar per
vn'istessa corda, con segni contrarij. Mi dichiaro. ottaua super-
flua saria, se essendo due parti in ottaua, vna hauesse vn Diesis, ò
bemolle, & l'altra nò. Passar per vn'istessa corda con segni con-
K 2trarijpage 7070Regole deltrarij saria, se vna parte si ritrovasse in befabemi co'l bemolle, &
dopò la partēza di quella, vi andasse subito l'altra co'l bequadro.
Poi, tù hai da sapere, che non starà bene rispondere con la tira
ta, fa con mi, come dire; fa, la, sol, fa mi. (aspro, & pericoloso passo,
per il cantore.)
Poi, tù hai d'haver consideratione nel metter le sillabe sotto le
note. però sappi, che per il più, ogni nota bianca vuole vna sil-
laba. le note negre poi, che sono tirate, si mette la sillaba nel prin
cipio della tirata, & la si porta fino dopò vn'altra bianca. se so-
no due note negre, che seguino dopò vna semibreue sincopata,
si puo proferir la syllaba, ò sotto la prima bianca, ò dopò, come
si vuole, se sarà vna semiminima, dopò la Minima co'l ponto, si
potrà proferirgli sotto vna sillaba, & si potrà portarla fino doppò
la prima bianca. I libri, che da buoni Compositori sono stati com
posti, mostrano chiaramente l'essempio di questo.
Poi, tù hai d'auertire, che facendo vna Compositione à otto
voci, tù farai principiar il basso del secondo Choro, in vnisono, ò
in ottaua con l'altro. perche più facilmente, & con più sicurezza
s'intra.
Poi, tù hai d'auertire di comporre le tue cose, tutte in suo gra-
do, come dire; se tù fai cose Ecclesiastiche, nō le far con note ne-
gre alla Madrigalesca, nè cose lasciue alla Ecclesiastica nò; Mà
ogn'vna nel grado suo. Perche veramente le cose Ecclesiastiche,
ritengono in loro grauità, e diuotione. In somma ogni composi-
tione deue hauer, (& hà chi la sà trouare) l'aria sua proportio-
nata.
Cose di Chiese, à vn modo; Madrigali, à vn'altro; Canzoni,
à vn'altro; Villanelle à vn'altro; & và discorrendo d'ogni altra
Compositione.
HORA tù hai inteso, in tutto questo mio raggionamento, in
che modo tù ti debba gouernare nel Contraponto, & nel-
la Compositione, & quali siano quelle cose, che tù debba piglia-
re, & quali lasciare. Hauerei potuto con molte parole, trattarte
quelle cose, che hò toccato con breuità, ma così succintamente
te le hò mostrate, & per non confonderti, con tante persuasioni,
& perche in somma quello, che hò detto, egli è il sugo, & la me-
dolla del tutto. & osseruando quanto da me è stato trattato in
questopage 71Contraponto, et Compositione.71questo libretto, tu sarai da giudiciosi, per buono Cōpositore, & ve
ro osseruatore delle regole, riputato. Sò bene, che tu vedrai delle
Cōpositioni, ch'oggidì vanno à torno, che tal volta sono fallaci
delle regole, che t'ho datto; ma vuoi ancor tù caminare per la cat
tiua strada? Questi tali l'hanno fatto, o per il poco sapere, ò se lo
sanno, hanno fatto poca stima delle regole; o perche veramen-
te si serue nelle Compositioni, & del bene, & del male, mà tutto
con occasione, & à proposito. Come, se le parole dicessero, Aspro,
Duro, fallo, errore, peccato, & simili altre parole; dico, che in tal
caso si serue delli passaggi illeciti, & altre cose vietate nella Mu-
sica; & questo, non è altro, che mostrar con il canto, il significato
della parola. à questo modo tu sarai lodato, altrimente biasma-
to tù saresti: & se tu desideri d'hauer presto questa cognitio-
ne della Musica, sopra il tutto sia Deuoto, & habbi il ti-
mor de Dio innanzi gli occhi; attendi al studio,
che à questo modo, la Maestà de Dio Fon-
te d'ogni bene, t'illuminerà l'intellet-
to, & consolerà sempre.
A Dio ti lascio.
IL FINE.
TAVO-page 72

TAVOLA DI TVTTO
QVELLO, CHE SI CON-
tiene in detta opera.

DIffinition della Mu-
sica.
à car.
1
Diuision della Mu-
sica.
1
Diuision della Musi-
ca naturale.
1
Musica artificiale, qual
sia.
1
Musica plana, qual sia. 1
Musica figurata, qual sia. 2
Musica instromentale, qual sia. 2
Diuision del Musico. 2
Musico specolatiuo, qual sia. 2
Musico pratico, qual sia. 2
Qual si debba chiamar Musi-
co.
2
Qual sia il Cantore. 2
Che cosa sia Contraponto sem
plice, & Diminuito.
3
Diuision del Contraponto. 3
Qual sia il Contraponto Dimi-
nuito.
4
Diuisione prima delle conso
nanze.
5
Diuisione seconda delle conso-
nanze.
6
Vnisono, che cosa sia. 6
Dissonanze. 7
In che modo si vsano le conso-
nanze, nel far il Contrapon-
to.
8
In che modo si vsano le disso-
nanze nel Contraponto, &
Compositione.
10
Passaggi proprij, delle disso-
nanze.
10
Modo di far il Contraponto
semplice.
11
Modi, & passaggi delle conso-
nanze, & per far il Contra-
ponto, & prima dell'Vniso-
no.
12
Che cosa sia tono, e come si for
ma.
13
Della terza. 14
Passaggi, della terza maggio-
re. 6.
14
Della terza minore. 15
Passaggi, della terza mino-
re. 5.
16
Della quinta. 16
Diuisione della quinta. 16
Passaggi della quinta perfet-
ta. 6.
17Dellapage 73TAVOLA.
Della quinta . 18
Passaggi, della quinta imper-
fetta. 2.
19
Della sesta. 20
Diuision della sesta. 20
Della sesta maggiore. 20
Passaggio della sesta maggio-
re.
20
Duro passo, della sesta mag-
giore.
21
Della sesta minore. 21
Passaggi della sesta minore. 7. 21
Accidenti musicali. 2. 23
Natura delli accidenti. 23
Che cosa siano gli accidēti. 24
Dell'ottaua. 24
Passaggi dell'ottaua. 5. 25
Della seconda. 26
Della quarta. 27
Passaggi della quarta. 3. 27
Della settima. 28
Modo di studiare. 29
Qualità del Contraponto. 3. 30
Toni numero otto. 32
Cognitione per intonar il Sal-
mo.
32
Cognitione per conoscere di
qual tono sia vn canto figu-
rato.
33
Corde finali delli toni. 33
Cognitione per conoscere il
canto fermo, se sia del pri-
mo, ò secondo tono.
36
Diuisione delli toni. 36
Toni autentici. 36
Toni Plagali. 37
Conditione del Cōpositore. 37
Altra cognitione, per i toni. 39
Solutione di certi dubbij, per
conto del fine d'alcuni to-
ni.
42
Che cosa sia cadenza. 44
Della Coronata. 44
Del Ritornello. 45
Della presa. 45
Gradi della Compositione. 46
Note essentiali, & principali. 47
Come siano state ritrouate
queste note essentiali, & prin
cipali.
47
Perche la Massima sia detta
modo maggiore, & la longa
Minore.
50
Auttorità delli segni perfetti so
pra le note.
51
Regola generale, per il Canto-
re.
54
Della Massima. 55
Della Longa. 56
Della Breue. 56
Della semibreue. 57
Dell'alteratione delle note alte
rabili, cioè Longa, breue, se-
mibreue, & minima.
57
Che cosa sia alteratione. 58
Diuisione del Ponto. 59
L'effetto della negrezza. 60
Della breue fatta negra. 60
Della semibreue. 61
Della Longa. 61
Della semiminima. 62
Della Croma, & semicroma. 63
Del salto. 64
Della battuta. 64
Che cosa sia diminutione. 65Chepage 74TAVOLA.
Che cosa è Fuga. 65
Che cosa sia ligatione. 66
Che cosa, è sincopa. 66
Che cosa voglia dir Mediū. 67
Auertimenti per la Composi-
tione.
68
IL FINE.

Registro.

A B C D E F G H I K.
Tutti sono fogli intieri.
CLARAM LUX CLARIOR AVFERT
IN CASALE,
Appresso Bernardo Grasso, M. D. X C V.
Con licenza de' Superiori.